Raccolta rifiuti, Alea fa il punto della situazione. Contò richiama anche le forze lavoro: "Maggiore puntualità"

Contò ha ribadito "l’utente deve abituarsi ad esporre su suolo pubblico così come convenuto con gli addetti alla distribuzione"

Un incontro tra il vertice operativo di Alea Ambiente e i rappresentanti delle cooperative terziste interessate nelle "raccolte" per fare il punto della situazione su Forlì e sugli altri comuni. E' quanto ha voluto il direttore di Alea, Paolo Contò anche a seguito delle segnalazioni pervenute dai cittadini in questi giorni. "Mi piace ricordare che stiamo lavorando verso la giusta direzione - esordisce Contò -. Infatti, rispetto al dato dichiarato qualche giorno fa dal presidente Carloni sono diminuite ulteriormente le tonnellate di secco non riciclabile destinate all'inceneritore: infatti, nella prima ventina di giorni di febbraio sono state raccolte 1483 tonnellate contro le oltre 2700 dello stesso periodo nel 2018".

"Situazione presto a regime"

Alea informa che "il quadro complessivo emerso parla di una situazione regolare nei comuni avviati al Porta a Porta nei mesi precedenti, mentre di uno stato temporaneo di “sforzo di start up” a Forlì con l’entrata in pap anche del resto della città, per un totale di oltre 65mila utenze. Situazione che sta già rientrando e presto sarà a regime". Tra i casi segnalati "le mancate raccolte di alcune frazioni e il mancato vuotamento in alcune aree condominiali".

Richiamo ad una "maggiore puntalità"

Il direttore Contò ha richiamato all’ordine le forze lavoro, "chiedendo maggiore puntualità e controllo più serrato del territorio", anche se "l’utente deve abituarsi ad esporre su suolo pubblico così come convenuto con gli addetti alla distribuzione".

Condomini

"E per quanto riguarda i condomini, i punti di esposizione devono essere in prossimità dell’accesso dei mezzi - ha proseguito -. Inoltre, con gli amministratori condominiali va rivisto l’orario della temporarizzazione dei cancelli perché i giri di raccolta sono cambiati".

Esposizioni dei bidoni

Relativamente all’esposizione ad opera degli utenti, soprattutto per quanto riguarda i contenitori dei materiali riciclabili (plastica - lattine), viene aggiunto che "si è vista una generale tendenza a mettere fuori il bidone mezzo vuoto: le indicazioni dell’azienda sono sempre state quelle di esporre il contenitore quando è pieno, per limitare la sosta dei mezzi di raccolta sulle strade e quindi diminuire l’impatto ambientale".

Strade private

Invece, per quanto riguarda le strade private di utenze singole, soprattutto quando si tratta di breve distanza dal suolo pubblico, "l’esposizione deve avvenire comunque sullo stesso salvo casi particolari concordati con l’azienda".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    In "trasferta" per abbandonare i rifiuti: multati diversi 'furbetti'

  • Politica

    Mezzacapo (Lega) contro Alea: "Costi folli per aziende e cittadini"

  • Politica

    Elezioni, Calderoni ('Forlife'): "Un giovane all'assessorato per l'innovazione"

  • Cronaca

    300 studenti e genitori a scuola per dare il via alla 'Festa dei bambini'

I più letti della settimana

  • Tanta pioggia, il gigante della Romagna si è svegliato: "furiosa" tracimazione della diga di Ridracoli

  • Piogge senza tregua, frane ed allagamenti. Il Montone supera la soglia rossa. Situazione critica al Ronco

  • Alluvione, lavori conclusi: sanato l'argine. Polemica sulle mancate casse di espansione

  • Non si presenta al lavoro da giorni, la sorella dà l'allarme: trovato morto in casa

  • Auto sbanda in curva e sfonda il muro di un'abitazione: struttura dichiarata inagibile

  • La disastrosa alluvione di Villafranca: centinaia di persone intrappolate, enormi danni

Torna su
ForlìToday è in caricamento