menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, gli ultimi aggiornamenti: "Casi riminesi? Possibile relazione col focolaio di Codogno"

A fare il punto mercoledì pomeriggio, in una conferenza stampa convocata in Regione, a Bologna, è l'assessore alle Politiche per la Salute, Sergio Venturi

Sono 47 i casi di positività al Coronavirus in Emilia Romagna. A fare il punto mercoledì pomeriggio, in una conferenza stampa convocata in Regione, a Bologna, è l'assessore alle Politiche per la Salute, Sergio Venturi. Un aumento dovuto al "forte recupero di tamponi in giacenza". Finora ne sono stato fatti quasi 700 in Emilia-Romagna. "Molti si trovano in casa - precisa Venturi - e solo tre sono in terapia intensiva: due a Parma e sono pazienti provenienti dal piacentino ed uno a Modena".

Tutto quello che bisogna sapere: sintomi, modalità di trasmissione, prevenzione, viaggi, animali da compagnia

C'è stato anche un decesso: "Si tratta di un paziente lodigiano, che si era presentato a Piacenza. Si tratta di un settantenne con molte patologie pregresse di natura cardiaca e anche polmonare. E' stato ricoverato prima a Piacenza e poi trasferito in terapia intensiva all'ospedale di Parma". A Piacenza ci sono complessivamente 28 pazienti, otto in più rispetto al precedente bollettino: "Si sono tutti auto presentati ed uno in particolare pare venga da Codogno. Stiamo segnalando alla Regione Lombardia che c'è qualcosa che non va. Gli altri sette hanno frequentato la zona rossa lombarda. La metà si trova a domicilio". Altri otto casi sono stati registrati a Parma ed altrettanti a Modena: riguardano persone collegate rispettivamente all'imprenditore carpigiano positivo e alla serata in balera nel lodigiano trascorsa da un parmigiano.

"Amuchina" fai da te: la ricetta dell'Organizzazione mondiale della sanità

In Romagna i casi sono tre, tutti nel Riminese: oltre al cattolichino, che gestisce un ristorante a San Clemente, ci sono un operatore dell'attività ed un cliente. "Abbiamo una pista che porta in connessione il 'paziente 1' di Rimini sia a Codogno che alla provincia di Padova (dove si sono sviluppati i due precedenti focolai italiani, ndr). Sarebbe un'informazione di grande rilievo in quanto ricondurrebbe i pazienti riminesi alle località già colpite. Le forze dell'ordine stanno facendo verifiche". Ci sono anche due dimessi dall'ospedale di Piacenza: si tratta del'infermiere di Codigno, che parlò col paziente 1 e ricoverato il 22 febbraio con la febbre e che finirà il periodo d'isolamento a domicilio, ed un'altra persona di Codogno. "Si tratta di un elemento positivo che registriamo dopo pochi giorni", sottolinea Venturi. Altra notizia positiva: una mamma lombarda positiva al Coronavirus ha partorito all'ospedale di Piacenza. Il bambino sta bene e non è positivo.

"Continuiamo - evidenzia Venturi - a non avere elementi per parlare di focolaio in Emilia-Romagna, anche alla luce delle nuove positività. Ribadisco che il nostro sistema sanitario è perfettamente in grado di sostenere la situazione al meglio, sia per quanto riguarda i cittadini sia nei confronti del personale sanitario. Proseguono inoltre gli accertamenti sui casi ancora in corso di analisi, che sono circa una quarantina a fronte degli oltre 600 tamponi ad oggi refertati. E da giovedì ai due attuali laboratori di Bologna e Parma si affiancherà anche quello di Pievesestina in provincia di Cesena. Quanto a episodi di fake news, non si fermano le denunce alla polizia postale da parte delle aziende sanitarie".

Punti triage esterni agli ospedali

Si rafforza il numero dei presidi, a protezione degli operatori sanitari, che serviranno a dividere già all'ingresso i pazienti con possibili sintomi da Coronavirus dagli altri. La Protezione civile regionale ha infatti predisposto, oltre ai 3 già allestiti a Piacenza, nuovi moduli provvisori per il triage, dove poter sottoporre le persone ai primi controlli prima di accoglierle all'interno dei servizi ospedalieri: 3 a Modena (Mirandola e Vignola Pavullo); 1 a Ferrara (Cento); 1 a Ravenna. Altri sono previsti a Bologna, Parma, Reggio Emilia, Rimini e Forlì-Cesena.

GESTITI SEI CASI SOSPETTI AL MORGAGNI: TUTTI NEGATIVI

SPECIALE CORONAVIRUS: TUTTE LE NOTIZIE

L'ORDINANZA REGIONALE: CHI RESTA APERTO E CHI CHIUSO

LE DISPOSIZIONI DELLA DIOCESI

NIENTE PANICO: GLI ANIMALI DA COMPAGNIA NON SONO UN PERICOLO

IL SINDACO: LE REGOLE DA SEGUIRE PER EVITARE ALLARMISMI

SCENE DA FILM NEI SUPERMERCATI

GLI EVENTI ANNULLATI

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento