Detenuto si rifiuta di rientrare in cella ed aggredisce due agenti della Penitenziaria

La Fp Cgil forlivese ha chiesto un incontro al prefetto Antonio Corona "per discutere delle problematiche dell'Istituto"

Aggressione nel carcere di Forlì. Un detenuto ha colpito due agenti della Polizia Penitenziaria mentre si opponeva di rientrare nella propria camera di pernottamento. Il personale in divisa è dovuto ricorrere alle cure del pronto soccorso dell'ospedale "Morgagni-Pierantoni" di Vecchiazzano, venendo refertati con una prognosi 12 e 7 giorni. La notizia è stata resa nota dalla Fp Cgil, che ha espresso "solidarietà e vicinanza" ai due agenti feriti.

"Questo ennesimo evento critico, mette in discussione il regime aperto delle sezioni, l'attuale sistema va rivisto, come proposto dalla Cgil, in un sistema aperto solo alle persone detenute che aderiscono al piano di trattamento e che attuano un comportamento corretto - spiega il sindacato -. Il problema delle carceri deve riguardare tutti, la società civile, la politica, le istituzioni locali". La Fp Cgil forlivese ha chiesto un incontro al prefetto Antonio Corona "per discutere delle problematiche dell'Istituto tra cui la grave carenza di personale maschile e i temi della sicurezza dell'istituto e del personale che vi lavora".

Potrebbe interessarti

  • Top Hairstylist in città: scopri a chi affidare il tuo prossimo cambio di stile

  • Cattivi odori addio: ecco come pulire i bidoni della spazzatura

  • Nausea e cerchi alla testa? 5 rimedi per far passare prima la sbornia

I più letti della settimana

  • Giovane harleysta morto sulla Cervese, la fidanzata in prognosi riservata. C'è un testimone della sciagura

  • Va alla scoperta delle bellezze rurali, un infarto lo uccide: la vittima è un volto noto di Forlì

  • Tragico incidente all'alba: quattro morti, tra loro due fratelli minori

  • Tragedia nella notte: si schianta contro un albero, muore una 26enne

  • Ancora sangue sulle strade: sciagura in serata, muore un 28enne forlivese

  • Dramma sulla Cervese, incredulità e dolore: gli amici ricordano il "gigante buono"

Torna su
ForlìToday è in caricamento