menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Aiuto ad uno dei Paesi più poveri dell'Africa, Mani tese cerca un centinaio di volontari a Forlì

Per realizzare la campagna di raccolta fondi natalizia "Molto più di un pacchetto regalo", in collaborazione con laFeltrinelli, la ong "Mani Tese" cerca 100 volontari e volontarie

Per realizzare la campagna di raccolta fondi natalizia "Molto più di un pacchetto regalo", in collaborazione con laFeltrinelli, la ong "Mani Tese" cerca 100 volontari e volontarie a Forlì che abbiano voglia di dedicare qualche ora del proprio tempo per impacchettare regali presso le librerie laFeltrinelli dal 1 al 24 dicembre 2020 e sostenere così i progetti dell’ONG a favore dei bambini e delle donne vittime di violenza, tratta e sfruttamento Guinea-Bissau.  “In un mondo ancora percorso dall’emergenza Covid, chi vive in un contesto di povertà estrema, come quello di uno dei Paesi più poveri dell’Africa, sperimenta l’emergenza tutti i giorni - afferma Giovanni Sartor, Responsabile della Cooperazione Internazionale di Mani Tese - A vivere in costante pericolo sono soprattutto le persone più vulnerabili come i bambini e le donne, vittime di violenza e sfruttamento”. “Siamo molto preoccupati – aggiunge Sartor - Con l’impoverimento diffuso causato dagli effetti del Coronavirus, la condizione di queste persone non potrà che peggiorare”. 

“Molto più di un pacchetto regalo” è un’iniziativa di sensibilizzazione e di raccolta fondi natalizia di Mani Tese realizzata in collaborazione con laFeltrinelli. La campagna, giunta ormai alla sua XIV edizione, quest’anno interesserà 43 città e più di 80 librerie in tutta Italia. I 100 volontari e volontarie che parteciperanno alla campagna confezioneranno libri e oggetti acquistati dai clienti delle librerie laFeltrinelli nel periodo prenatalizio (dal 1 al 24 dicembre 2020). I fondi raccolti andranno a sostegno dei progetti di Mani Tese a favore delle donne e dei bambini vittime di violenza, trafficking e di sfruttamento in Guinea-Bissau.  Partecipare a “Molto più di un pacchetto regalo” è semplicissimo: è sufficiente avere 16 anni compiuti e almeno 4 ore di tempo da dedicare all’attività di volontariato. È possibile iscriversi direttamente on line. L’esperienza di volontariato avverrà in sicurezza secondo le norme anti Covid-19.

La Guinea-Bissau è uno dei Paesi più poveri dell’Africa Occidentale. Nel 2019 si colloca al 178° posto su 188 per Indice di Sviluppo Umano, e ancora oggi il 67% della popolazione vive sotto la soglia di povertà. In un simile contesto, causato dall’instabilità politica e da una grave carenza di lavoro e di risorse, gli episodi di sfruttamento e di violenza sulle persone più indifese, come le donne e i bambini, sono purtroppo all’ordine del giorno. Mani Tese è impegnata in Guinea-Bissau da oltre 40 anni con progetti di cooperazione che prevedono in modo trasversale la protezione dei soggetti più vulnerabili, in particolare di bambini e donne vittime di violenza, sfruttamento e trafficking.

In Guinea-Bissau molte bambine e ragazze sono purtroppo vittime di matrimonio forzato e precoce e tante donne sono vittime di violenza di genere. La percentuale di donne e bambine vittime di mutilazioni genitali femminili è ancora elevata: il 29% di ragazze di età compresa tra gli 0 e i 14 anni e il 44% di donne tra i 15 e i 49 anni ha subito mutilazioni genitali femminili (Unicef, 2020). Il matrimonio forzato è una pratica comune in Guinea-Bissau, specialmente nelle regioni di Gabu e Bafata. In media, circa il 10% delle ragazze sono costrette a sposarsi prima che raggiungano i 15 anni, mentre il 29% si sposa prima dei 18.

Molti bambini vengono inoltre adescati e mandati in Senegal per essere sfruttati come mendicanti. Si tratta dei cosiddetti “bambini talibè”: inviati dalle famiglie con l’intenzione di apprendere il Corano in altri Paesi, quando arrivano a destinazione vengono invece sfruttati e destinati alla mendicità, a cui si dedicano tutto il giorno. Mani Tese si occupa della tutela delle vittime di violenza, trafficking e sfruttamento attraverso tre tipologie di attività: la protezione delle vittime, che prevede il sostegno a un centro di accoglienza per bambine e ragazze vittime di matrimonio forzato e precoce e per donne vittime di violenza con assistenza legale e psicologica, e la protezione dei bambini vittime di trafficking attraverso la ricerca e il reinserimento nelle loro famiglie d’origine; la prevenzione della violenza e dello sfruttamento attraverso il contrasto alla povertà e il miglioramento della situazione socio-economica delle categorie a rischio con corsi di formazione professionale destinati ai giovani, il supporto all’avvio di attività lavorative, lo sviluppo della filiera orticola, della filiera produttiva dell’arachide e della filiera avicola; la sensibilizzazione, l’educazione e l’informazione per contrastare i fenomeni tramite la promozione dei servizi che si occupano di educazione e istruzione e le campagne di sensibilizzazione sulla violenza di genere,  sul riconoscimento del ruolo e dell’importanza delle donne, sul trafficking e sui rischi della migrazione irregolare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento