rotate-mobile
Università e sanità

Al Campus focus su colangiocarcinoma, metastasi colo-rettali e intelligenza artificiale

L’evento si svolgerà al Campus Universitario di Forlì, in viale Corridoni 50. Si parlerà di colangiocarcinoma, di metastasi colo-rettali, di intelligenza artificiale e di tecniche di ipertrofia epatica

Dopo “I Go Milano” ed “I Go Palermo“, la Società di chirurgia epatica mininvasiva (I-Go-Mils), con la collaborazione del Centro Universitario di Bertinoro (Università di Bologna) e il patrocinio dell’Ausl Romagna, organizzeranno “I Go Forlì!” il 27 e 28 aprile. L’evento si svolgerà al Campus Universitario di Forlì, in viale Corridoni 50. Si parlerà di colangiocarcinoma, di metastasi colo-rettali, di intelligenza artificiale e di tecniche di ipertrofia epatica.

"I programmi di Chirurgia Mini-Invasiva del Fegato sono ben consolidati in Italia – spiegano, rispettivamente, il presidente e il Coordinatore dell'evento, Giorgio Ercolani, direttore dell'Unità operativa di Chirurgia e Terapie Oncologiche Avanzate di Forlì e professore ordinario di Chirurgia all’Università di Bologna, e Alessandro Cucchetti, professore associato all’Università di Bologna e chirurgo all’ospedale di Forlì - con progressivo aumento sia del numero di casi che della numerosità dei centri che adottano l’approccio mininvasivo alla chirurgia epatica. La complessità delle procedure di Chirurgia Mini-Invasiva del Fegato e? in aumento anche nei centri già esperti, con risultati clinici comparabili con quelli della letteratura esistente. Il Registro “I Go Mils” sta svolgendo un ruolo cruciale nel monitoraggio dello sviluppo della Chirurgia Mini-Invasiva del Fegato nella pratica quotidiana su base nazionale, dando un contributo significativo alla realizzazione dei programmi di Chirurgia Mini-Invasiva del Fegato".

“L'evento I Go Forlì - concludono - rappresenta l'occasione per tutti i partecipanti di questo registro nazionale di incontrarsi, aggiornarsi e confrontarsi, nell'ottica dell’agire come comunità con un interesse condiviso ed obiettivi dichiarati, tracciando le tendenze nel tempo, contribuendo all’attuazione di programmi di chirurgia laparoscopica del fegato con il fine ultimo di migliorare la qualità dell’assistenza sanitaria, in una visione di progresso continuo.” Tra i relatori ci saranno anche il professor Nicola De Angelis, Direttore dell'Unità di chirurgia colorettale e digestiva dell’ospedale di Beaujon, Parigi, e il professor Luca Aldrighetti, direttore dell’Unità Operativa Complessa di Chirurgia Epatobiliare dell’Irccs Ospedale San Raffaele e Professore Associato dell’Università Vita-Salute San Raffaele.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al Campus focus su colangiocarcinoma, metastasi colo-rettali e intelligenza artificiale

ForlìToday è in caricamento