Al cimitero indiano i Sikh hanno commemorato i loro defunti in guerra

Una cerimonia molto partecipata che accosta momenti di profonda commozione e preghiera a una diffusa e rispettosa vivacità. Merito di una numerosissima Comunità Sikh

Si è tenuta sabato mattina al Cimitero di Guerra dell’Indian Army di via Ravegnana, la commemorazione in ricordo dei Caduti della Comunità Sikh che, combattendo nelle fila dell’Ottava Armata Britannica nel corso del secondo conflitto mondiale, caddero per la liberazione del nostro territorio e le cui ceneri riposano nel Cimitero di Guerra dell’Indian Army. L'appuntamento è promosso dalla Comunità Sikh di Novellara sotto il patrocinio del Comune di Forlì, che lo ospita sin dal 2007 alla presenza delle autorità cittadine e delle associazioni combattentistiche del territorio.

Una cerimonia molto partecipata che accosta momenti di profonda commozione e preghiera a una diffusa e rispettosa vivacità. Merito di una numerosissima Comunità Sikh, che vi converge non solo da Novellara ma da buona parte del nord Italia ( Emilia Romagna, Veneto e Lombardia) richiamando anche gruppi provenienti da India, Stati Uniti, Regno Unito e Olanda. Sempre più numerosi sono anche i cittadini forlivesi che decidono di prendervi parte. La mattinata ha visto susseguirsi gli interventi delle autorità, la deposizione di corone commemorative a cura dell’Associazione World Sikh Shaeed Military e del Comune di Forlì. 

"Abbiamo ricordato il sacrificio dei loro padri e nonni che vennero ad aiutarci a casa nostra - afferma il deputato Marco Di Maio -. Combattendo assieme ai soldati delle truppe alleate contribuirono alla Liberazione dell’Italia e in particolare dell’area tosco-romagnola. Non a caso qui a Forlì c’è un cimitero di guerra che ospita 496 salme, vittime giovanissime di una guerra che sono venuti a combattere pur avendo culture, abitudini e filosofia di vita completamente diverse. La nostra comunità deve esser loro grata per l’eternità".

I Sikh sono indiani del Punjab, regione geografica tra il Pakistan e l’India. Attualmente nel Punjab indiano se ne concentrano 15 milioni. Fuori dall’India vivono quasi un milione di Sikh di cui oltre 400.000 in Gran Bretagna, 300.000 in Canada e 100.000 negli Stati Uniti. In Italia la loro comunità ammonta a circa 30.000 persone. In Emilia Romagna la loro presenza si conta prevalentemente nella zona di Reggio Emilia, Parma e Modena.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Dea Bendata non abbandona Corso Garibaldi: nuovo colpo al Lotto con un terno

  • La Bidentina si macchia di sangue: schianto contro un albero, perde la vita sotto gli occhi della fidanzata

  • Coronavirus, ci sono i primi due studenti positivi: nessuna chiusura di classi e scuole

  • Commando armato assalta una villa: minuti di terrore per una famiglia

  • Coronavirus, altri quattro casi a Predappio. Tra i contagiati anche uno studente

  • Coronavirus, il bollettino domenicale: nuovi contagiati riconducibili a focolai già noti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento