rotate-mobile
Mercoledì, 8 Febbraio 2023
Lotta alla violenza sulle donne

Al San Domenico focus sul ruolo dell’ospedale nel percorso delle donne violentate

Tappa conclusiva delle iniziative che l’Ausl Romagna, sede di Forlì, ha messo in campo, questa settimana, per mantenere alta l’attenzione contro la violenza sulle donne

La Sala del Refettorio dei Musei di San Domenico ha ospitato sabato il convegno “Il percorso delle donne che subiscono violenza: il ruolo dell’ospedale e il raccordo con la rete territoriale”, tappa conclusiva delle iniziative che l’Ausl Romagna, sede di Forlì, ha messo in campo, questa settimana, per mantenere alta l’attenzione, della popolazione e dei professionisti, nei confronti di questo problema che rappresenta una concreta minaccia per la salute psicologica e fisica anche delle future generazioni.

"La violenza rivolta verso le donne e i minori ma anche quella verso le persone più fragili - sono le parole della dottoressa Tiziana Iervese, responsabile della Medicina d'Urgenza di Forlì, tra gli organizzatori - fa ormai parte, purtroppo, della nostra quotidianità; cammina insieme  a noi, a volte in modo strisciante, ambiguo, inapparente. E’ questa forma espressiva, meno eclatante, che va contrastata prima che si trasformi in violenza fisica, sessuale, in atti persecutori, in grave disagio psicologico che paralizza pensieri, emozioni, iniziativa e vita. Promuovere una cultura basata sul rispetto e sulla valorizzazione delle differenze rappresenta uno dei principi sul quale dovrebbe essere fondata una società civile."

"Un rete di multiple professionalità e istituzioni, in grado di affrontare gli aspetti sanitari, psicologici, legali, sociali e giuridici connessi al fenomeno “violenza” - prosegue - rappresenta la strategia più efficace di contrasto al fenomeno. Professionalità ed istituzioni che, nel rispetto delle competenze condividano formazione, saperi, conoscenze ed obiettivi ed abbiano la capacità  di intervenire in modo rigoroso, ma sensibile e personalizzato a seconda delle necessità". Presenti in sala, oltre a medici, infermieri, psicologi, assistenti
sociali, esponenti dei consultori Familiari, dei centri di accompagnamento per uomini autori di violenza, dei Centri Antiviolenza, forze dell’Ordine, anche esponenti del mondo politico, scolastico, dell’Università, del mondo della cultura e delle Associazioni che, da tempo, partecipano attivamente e sostengono con impegno e convinzione iniziative rivolte al contrasto della violenza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al San Domenico focus sul ruolo dell’ospedale nel percorso delle donne violentate

ForlìToday è in caricamento