Martedì, 23 Luglio 2024
Giovani

Al Teatro Diego Fabbri la giornata conclusiva del progetto "Avis Scuola"

Come previsto dal bando della rassegna, i ragazzi sono stati invitati ad esprimere la loro libertà inventiva sull’argomento oggetto del bando, in riferimento a tre ambiti

“Avis? Si è, si ha… Si va!”. Questo è il tema del concorso organizzato, come ogni anno, dall’Avis Comunale di Forlì per promuovere negli Istituti Comprensivi cittadini l’espressione creativa degli alunni intorno agli argomenti cardine della mission dell’associazione. Parallelamente agli incontri divulgativi rivolti alle classi seconde delle scuole secondarie di primo grado della città di Forlì – che quest’anno hanno permesso ad Avis di entrare in contatto con circa 1200 ragazzi nel corso dell’anno scolastico 2022-2023 – è stato indetto il tradizionale concorso, la cui giornata conclusiva si terrà martedì, dalle 9 alle 11, al Teatro Diego Fabbri. Infatti, in occasione della 32esima Giornata Avis della Solidarietà, gli studenti di otto Istituti Comprensivi forlivesi porteranno sul palco gli inediti da loro prodotti, con il supporto dei docenti, sulla tematica proposta. L’iniziativa gode del patrocinio del Comune di Forlì e dell’Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia-Romagna.

Come previsto dal bando della rassegna, i ragazzi sono stati invitati ad esprimere la loro libertà inventiva sull’argomento oggetto del bando, in riferimento a tre ambiti: attraverso la composizione di un brano musicale (parole e melodia), attraverso un brano da raccontare, oppure attraverso la lettura di una poesia con il sottofondo musicale realizzato dalla classe o dal gruppo concorrente. Ciascuna delle otto scuole secondarie che hanno aderito – “P. Maroncelli”, “G. Mercuriale”, “B. Croce”, “M. Palmezzano”, “C. Sforza”, “G. Fiorini”, “San Martino in Strada”, “P. Zangheri” – ha affidato l’interpretazione del brano ad un gruppo di massimo 60 elementi. Sono dunque attesi al Teatro Diego Fabbri 375 alunni, ai quali si aggiungono anche docenti ed accompagnatori. A tutti gli studenti che si esibiranno il 16 maggio è stata donata una maglietta da indossare in occasione della cerimonia conclusiva al Teatro Diego Fabbri. Il disegno rappresentato sulla T-shirt è stato realizzato da Damiano Diti, terzo classificato nell’ambito della prima edizione del contest di fumetto promosso dall’Avis Comunale di Forlì e dalla Fumettoteca Regionale Alessandro Callegati “Calle”.

La proficua collaborazione che Avis ha consolidato con le scuole del territorio si tradurrà anche in una donazione di 1.000 euro che l’associazione ha scelto di destinare a ciascun Istituto Comprensivo coinvolto come premio per la partecipazione. In aggiunta a questo riconoscimento, a tutti i giovani delle classi seconde incontrati in aula per promuovere la cultura del dono è stato donato un quaderno. Inoltre, grazie alla generosità dell’azienda agricola forlivese “Orto Mio” di Anne Clare Mackintosh, ai 1200 studenti verrà regalata una piantina accompagnata dal seguente messaggio: “L’amore per gli altri va coltivato giorno per giorno come questa piantina a te affidata. Avis lo fa”.

“Avere o essere?”: da questo saggio dello psicoanalista tedesco Erich Fromm, incentrato sull’analisi dell’egoismo e dell’altruismo, sono stati forniti agli studenti alcuni suggerimenti per sviluppare il tema del concorso. “Dovremmo proporci come meta quella di essere molto, non già di avere molto. Nella modalità dell’avere, la propria felicità risiede nella superiorità sugli altri. Secondo la modalità dell’essere, la felicità consiste invece nell’amare, nel condividere, nel dare”. A partire da queste considerazioni di Fromm, l’Avis Comunale di Forlì mira a stimolare, presso le giovani generazioni, la riflessione su queste due tendenze all’opera negli esseri umani e sull’utilizzo creativo delle proprie facoltà per costruire l’unione con l’altro. Info: 0543.20013; forli.comunale@avis.it; www.avisforli.it.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al Teatro Diego Fabbri la giornata conclusiva del progetto "Avis Scuola"
ForlìToday è in caricamento