Al via la rivoluzione per Schiavonia: doppia rotonda e monumento più valorizzato

Entra nel vivo l'intervento del Comune che rivoluzionerà la circolazione a Porta Schiavonia, eliminando  la tradizionale viabilità che porta tuttora parte del traffico

Entra nel vivo l'intervento del Comune che rivoluzionerà la circolazione a Porta Schiavonia, eliminando  la tradizionale viabilità che porta tuttora parte del traffico verso via del Portonaccio e da qui nell' “imbuto” finale di viale Italia, trasformando di fatto tutto il piccolo borgo a ridosso del monumento in una grande rotatoria. La prossima settimana il progetto, già definitivo, andrà in giunta ed entro la fine dell'anno sarà assegnato l'appalto. Passati i due mesi più freddi, già a febbraio e marzo del prossimo anno si vedrà in azione un cantiere che durerà per diversi mesi, fino all'estate.

L'intervento comporta la realizzazione di due rotonde collegate, che – nelle intenzioni del progetto – daranno anche più “aria” a Porta Schiavonia, la cui area circostante sarà riqualificata con un'adeguata illuminazione che valorizza il monumento, maggiori e più curati spazi verdi, una pavimentazione in pietra e la riduzione del numero di posti auto del parcheggio che ora circonda la storico edificio del Settecento. Insomma, il monumento non sarà più “inaccessibile” come lo è attualmente, stretto nel groviglio di strade che lo circonda, ma dovrebbe diventare un più gradevole biglietto da visita al centro storico per chi entra dalla via Emilia.

> ANCHE IN VIA DELLA ROCCA ARRIVA UNA NUOVA ROTONDA: L'ARTICOLO

L'intervento è particolarmente significativo anche per la viabilità, in quello che è uno dei punti più trafficati della zona ovest della città, raccordo tra centro storico, viali della circonvallazione, ponte di Schiavonia e tutti i quartieri su viale Bologna, dai Romiti alla Cava. “In particolare, allargandoci nell'attuale parcheggio antistante il supermercato Coop, saranno realizzate due rotonde tra viale Salinatore e il ponte sul Montone – illustra l'assessore ai Lavori Pubblici Francesca Gardini -, che permetteranno, in sostanza, a chi viene da viale Salinatore, di non dover svoltare in via del Portonaccio per poi rientrare in viale Italia, con una strettoia che è sempre particolarmente trafficata, per dover raggiungere viale Bologna”. Tutto il traffico rimarrà quindi “gestito” nell'area del piazzale della porta e tolto dalle vie adiacenti, convivendo, si spera in modo più armonioso, con la storica porta d'ingresso della città, l'unica ancora in piedi. “L'importo dei lavori è di circa 350mila euro – spiega Gardini -, a cui si potranno aggiungere altri 50mila euro per ulteriori opere di abbellimento del monumento, già stanziati con un'altra fonte di finanziamento”.

rendering porta schiavonia 2-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Forlì parte la ribellione delle palestre: "Se imporranno la chiusura, non chiuderemo"

  • Coronavirus, ecco il nuovo dpcm punto per punto: ristoranti chiusi alle 18. Stop per palestre, cinema e teatri

  • Coronavirus, due insegnanti e tre studenti infettati: classe dell'asilo in quarantena

  • Meldola in lutto per la scomparsa di Stefanino, il sindaco: "Una figura speciale per tutti"

  • Travolto all'uscita della scuola: bimbo trasportato d'urgenza al Bufalini

  • Non paga i debiti della propria azienda: l’imprenditore creditore assolda i killer per ucciderlo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento