Alla scoperta dell'Ottocento: dentro alla grande mostra del San Domenico

Il progetto di allestimento è dello studio Lucchi e Biserni di Forlì in collaborazione con lo studio Wilmotte di Parigi

L’esposizione dedicata all’arte della seconda metà dell’Ottocento sarà suddivisa in sezioni ciascuna delle quali esaminerà un’espressività. Tra queste non mancheranno gli approfondimenti indispensabili sulle grandi esposizioni nazionali del 1861 a Firenze e quelle del 1911 tenutesi a Roma, Torino e Firenze. In quest’ultima si ripresenterà il punto di vista con le opere analizzate allora da Corrado Ricci e Guido Ojetti per la mostra sul ritratto italiano che fu allestita a palazzo Vecchio. Il confronto sarà quindi tra la pittura, la scultura, l’architettura e le arti decorative sul sottofondo letterario del tempo che spiega a parole l’atmosfera data da Carducci, Pascoli, D’Annunzio e Gozzano.

LA GRANDE MOSTRA AL SAN DOMENICO: LA PRESENTAZIONE A MILANO

I generi rappresentati saranno dieci, in particolare quello storico, della vita moderna, di denuncia sociale, il paesaggio e la veduta. Dal Romanticismo a Purismo al Realismo, dall’Ecclettismo al Simbolismo, dal Neo-Rinascimento al Divisionismo; la mostra prende in esame un percorso lungo che si colloca tra Hayez e Segantini e che prevede l’esposizione di opere difficilmente concesse a prestito, come “La distruzione del Tempio di Gerusalemme” di Hayez, “I funerali di Britannico di Muzzioli” “Lo staffato” di Fattori, “L’Alzaia” di Signorini, “La lettura sul mare” di Corcos, “Lo specchio della vita” di Pellizza da Volpedo e “Le due madri” di Segantini. Il progetto di allestimento è dello studio Lucchi e Biserni di Forlì in collaborazione con lo studio Wilmotte di Parigi e sarà orientato alla linearità espositiva accompagnata da tinte accese per evidenziare aspetti affascinanti e drammatici del percorso storico trattato nella mostra.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La triste fine di una grande azienda del forlivese: dichiarato il fallimento dopo oltre 50 anni

  • Un bagliore visibile a chilometri di distanza: incendio in un'azienda

  • Storica gioielleria chiude dopo 73 anni, tre generazioni si sono susseguite dietro al banco

  • Sfilata in intimo contro i pregiudizi: in Piazza Duomo a Milano anche la forlivese Giulia Gambini

  • Festa di compleanno al ristorante con rissa finale e tavoli ribaltati tra due invitati

  • Terzo lotto della Tangenziale, partita la procedura per i 70 espropri di pubblica utilità

Torna su
ForlìToday è in caricamento