rotate-mobile
Alluvione e danni / Predappio

A mesi dall'alluvione, l'allevamento è ancora senz'acqua: “Nessuna risposta, abbiamo dovuto prendere la botte”

A Porcentico, frazione di Predappio, gli eventi alluvionali hanno messo fuori uso l’acquedotto. Il titolare dell’allevamento con 25mila polli: “Ci siamo dovuti arrangiare, qui non si è visto nessuno”

“L’alluvione di maggio si è portata via l’acquedotto e noi siamo ancora senz’acqua nonostante le numerose segnalazioni a Hera. Ma non abbiamo risposte e andiamo a procurarcela con le botti”. Resta critica la situazione per l’Azienda agricola Camprincoli a Tontola, frazione di Predappio, dopo gli eventi alluvionali del 3 maggio scorso che hanno travolto una casa riducendola in un ammasso di macerie e hanno messo fuori uso l’acquedotto che serviva la zona. Fortemente danneggiata anche la viabilità, ora ripristinata. 

I quattro capannoni dell’azienda agricola sono adibiti ad allevamento di polli - sono oltre 25mila - che necessitano di importanti forniture di acqua. “La strada, dopo gli interventi effettuati, è di nuovo percorribile da un mese, ma nonostante i molteplici solleciti di ripristino dell’acqua fatti a Hera - dice il titolare dell’azienda, Marco Camprincoli - l’acquedotto non è stato ancora ripristinato. Abbiamo richiesto la possibilità di attingere l’acqua tramite i depositi del paese con mezzi nostri per soddisfare il fabbisogno dell’allevamento ma nessuno ci ha fornito questo accesso nonostante le bollette siano sempre state regolarmente pagate”.

Dopo le comunicazioni inviate dal titolare dell’azienda a sindaco e prefetto è stata convocata una riunione in Prefettura, in programma la la prossima settimana, per prendere in esame la problematica. “Nel frattempo stiamo prelevando l’acqua dal fiume Rabbi per mandare avanti l’allevamento - dice Camprincoli -. Mi avevano assicurato che avrebbero fatto un attacco dell’acqua per consentirci di continuare a lavorare ma ci siamo dovuti arrangiare e qui non si è visto nessuno. Ho dovuto acquistare una botte da 120 quintali e andiamo avanti con quella, ma se arriva la neve come facciamo?”. “Tutti noi abbiamo contribuito alla creazione dell’acquedotto - conclude il titolare - ci aspettiamo risposte e un aiuto concreto, presto”.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A mesi dall'alluvione, l'allevamento è ancora senz'acqua: “Nessuna risposta, abbiamo dovuto prendere la botte”

ForlìToday è in caricamento