Martedì, 23 Luglio 2024
Alluvione e danni

La pista dove nascono i campioni di motociclismo è una palude: si lotta nel fango, anche con i volontari

E la macchina del volontariato sta dando "gas", esclamazione usata da Manuel nel raccontare le prodezze dei piloti sulla pista romagnola

La piena del Ronco, le lacrime e lo sconforto. Ma quelle lacrime sono il simbolo della tenacia, della voglia di non arrendersi, di ripartire. Non è facile, lo sa bene Manuel Fantini, ma si lavora per dare una nuova vita al Galliano Park, la pista lungo la via Emilia tra Forlimpopoli e Forlì dove sono cresciuti i talenti romagnoli del motociclismo e asfalto di allenamento per i campioni della MotoGp e della Superbike. E la macchina del volontariato sta dando "gas", esclamazione usata da Manuel nel raccontare le prodezze dei piloti sulla pista romagnola. Era il 16 maggio quando il Galliano Park aveva lasciato spazio ad una palude. Manuel, insieme ai suoi genitori, è riuscito a mettersi in salvo dallo tsunami partito dal Ronco, rendendosi l'indomani protagonista della missione di salvataggio del gatto "Scheggia", che si era rifugiato nei piani alti della casa completamente allagata. La piena ha lasciato alle spalle una lunga distesa di fango, ma il famoso "cavatappi" del tracciato, ribattezzato così perchè ricorda la famosa sinistra-destra in discesa di Laguna Seca, è salvo.

Fantini, giorno dopo giorno, sta documentando sui social i lavori che proiettano alla ripartenza dell'attività, che ovviamente non sarà nell'immediato. Lo fa col solito sorriso che lo ha sempre contraddistinto. Da buon romagnolo che è. Esempio di tenacia e buona volontà.  I danni ammontano a diversi milioni di euro. Le moto elettriche a disposizione sono da buttare. In alcune aree l'acqua sta ristagnando, per effetto della presenza delle dune fono assorbenti che stanno trattenendo il fango. Creata in tanto un'area di ospitalità per accogliere i volontari. Ultimo appello: "Ci serve un motorino per gli spostamenti". Il mondo del motociclismo non è indifferente alla situazione. La gara di solidarietà è partita. E partecipa anche il Ferrari Club di Forlimpopoli, che ha avviato una raccolta fondi. Così il presidente Filippo Ambrosini: "In questo momento difficile per tante persone vogliamo offrire il nostro aiuto perciò apriamo una raccolta fondi che sarà interamente destinata ad una realtà motoristica del nostro territorio, agli amici del Circuito Galliano Park che ha subito gravi danni alle strutture. È possibile donare con casuale “Donazione Galliano Park” tramite: Paypal forlimpopoli@scuderiaferrari.club o tramite bonifico bancario: Scuderia Ferrari Club Forlimpopoli  It76c0306967793100000005102". Anche il Circuit Christel Village ha attivato una raccolta fondi per il Galliano Park: per contribuire l'IBAN è IT10P0306909606100000187384 intestato a Galliano Park a.s.d..E' l'inizio di un lungo Gran Premio. Ma Manuel, con l'aiuto di tutti, lo vincerà. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La pista dove nascono i campioni di motociclismo è una palude: si lotta nel fango, anche con i volontari
ForlìToday è in caricamento