Domenica, 21 Luglio 2024
Alluvione e danni

Alluvione, dopo il sorvolo Figliolo incontrerà anche il sindaco di Forlì. Bonaccini: "Stiamo perdendo tantissimo tempo"

Il neo-commissario incontrerà le istituzioni, gli amministratori locali e le parti sociali, insieme al presidente della Regione Bonaccini

Tra emergenza e ricostruzione, "ancora non è chiaro" quale sarà il ruolo operativo del generale Francesco Paolo Figliuolo, nominato dal Consiglio dei ministri commissario alla ricostruzione nella Romagna post-alluvione. Lo dice il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, in vista dell'arrivo di Figliuolo lunedì a Bologna. "Vedremo sui ruoli cosa dirà il decreto, alla fine. Ancora- rimarca Bonaccini- non è mi è chiara del tutto quale sarà la differenza dei compiti. Ma vedersi col generale, lunedì, serve anche a questo. Vorrei però che il Governo ci spiegasse se i soldi ci sono o no, dopo aver letto che alcuni suoi esponenti, nello stesso giorno, dicono contemporaneamente che 'è difficile trovarli' e che 'ci sarebbero', invece. Mi auguro che ci sia chiarezza, perché su questo abbiamo consegnato il rendiconto dei danni, come ci avevano chiesto" da Roma, "e soprattutto abbiamo detto cos'è che serve fare e bisogna fare".

Aggiunge il presidente dell'Emilia-Romagna: "Ringrazio il generale Figliuolo per la sua consueta disponibilità, anche se non avevo dubbi avendoci lavorato insieme più di un anno", durante l'emergenza Covid, e "avendone grande stima. È chiaro che, come ho detto al generale, siamo pronti a collaborare, ma o arrivano le risorse subito- insiste Bonaccini- oppure qui diventa un problema. Perché abbiamo perso e stiamo perdendo tantissimo tempo. Abbiamo bisogno invece di intervenire con migliaia di cantieri, per l'autunno, proprio perché eventi meteo ordinari non diventino straordinari". Resta il grande tema dei rimborsi ai privati: "Siamo partiti un pochino con quelli alle famiglie, ma poi - avvisa il governatore - serviranno quelli alle imprese. È vero che 20.000 euro alle imprese non risolveranno per molti il problema, ma per una parte di attività, in particolare quelle commerciali e più piccole, sono comunque utili".

Il lavoro con Figliuolo in ogni caso "è da costruire, voglio anche sentire quello che il generale cosa vuole proporci e cosa pensa di prendere in carico, oppure in che forme collaboreremo. Noi sappiamo cosa chiediamo e siamo pronti. La sfida è rialzare la Romagna come facemmo con l'Emilia dopo il terremoto del 2012", raccomanda Bonaccini. Intanto, è proprio la Regione a diffondere il programma della visita di Figliuolo in calendario per lunedì. Il neo-commissario incontrerà le istituzioni, gli amministratori locali e le parti sociali, insieme al presidente della Regione Bonaccini. Dopo un sorvolo nelle aree colpite, nel pomeriggio, a Bologna, nella sede della Regione incontrerà prima i presidenti delle Province colpite, con loro anche il sindaco di Forlì, e, a seguire, i componenti il Patto per il Lavoro e per il Clima. Al termine, alle 16, assieme al presidente Bonaccini e alla sua vice Priolo, il commissario Figliuolo incontrerà la stampa. (fonte Dire)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alluvione, dopo il sorvolo Figliolo incontrerà anche il sindaco di Forlì. Bonaccini: "Stiamo perdendo tantissimo tempo"
ForlìToday è in caricamento