Sabato, 20 Luglio 2024
Cronaca

Alluvione, in Romagna oltre 200 nuovi funzionari e istruttori per la ricostruzione

Nuovo personale, con professionalità di tipo tecnico o amministrativo, per il rafforzamento delle capacità amministrative degli enti locali nei territori delle regioni

Il Commissario straordinario alla ricostruzione, Generale Francesco Paolo Figliuolo - in relazione ai nuovi e ulteriori compiti istituzionali che sono stati attribuiti agli enti locali compresi nei territori delle Regioni Emilia Romagna, Toscana e Marche per effetto degli eventi calamitosi - ha disposto la ripartizione di personale, con professionalità di tipo tecnico o amministrativo, per il rafforzamento delle capacità amministrative degli enti locali nei territori delle regioni. Il personale è così ripartito: per l'Emilia-Romagna 6 dirigenti, 142 funzionari e 68 istruttori; per la Toscana 7 funzionari e 3 istruttori; per le Marche 15 funzionari e 9 istruttori. Alla nostra regione vanno 216 dipendenti destinati alla brucorazia dell'alluvione.

Il quadro normativo di riferimento è previsto dall’articolo 20-septies, comma 8-bis, del decreto-legge 1° giugno 2023, n. 61, convertito, con modificazioni, dalla legge 31 luglio 2023, n. 100, che ha autorizzato l’assunzione a tempo determinato, per un periodo non superiore a ventiquattro mesi, mediante lo scorrimento delle graduatorie vigenti di concorsi già banditi, di un numero massimo di 250 unità di personale con professionalità di tipo tecnico o amministrativo, per assicurare il rafforzamento della capacità amministrativa degli enti locali compresi nei territori delle regioni Emilia-Romagna, Toscana e Marche. A tal fine è stata autorizzata la spesa di euro 2.859.500 per il 2023, di euro 11.438.000 per il 2024 e di euro 8.578.500 per il 2025.

"Una misura che avrà un concreto impatto positivo sul nostro territorio, un altro impegno preso e mantenuto dal Governo Meloni finalizzato ad aiutare tutti quei Comuni, soprattutto i più piccini, in difficoltà nella gestione della ricostruzione per carenza di personale. Ora i sindaci di sinistra che sono scesi in piazza contro il Governo Meloni per lamentare ritardi che riguardano invece solo ed esclusivamente il loro operato, ritardi che si ripercuotono su cittadini e imprese, non avranno più scuse". Lo dichiara Alice Buonguerrieri, deputata di Fratelli d'Italia.

“Questo personale - aggiunge il parlamentare di FDI - sarà assunto a tempo determinato, per un periodo non superiore a ventiquattro mesi, mediante lo scorrimento delle graduatorie vigenti di concorsi già banditi. Quindi sarà una procedura veloce. La copertura delle spese per questo personale aggiuntivo sarà garantita dalla struttura commissariale, quindi dal Governo,  per un totale di circa 23 milioni di euro. Laddove non sono arrivate Regione e Provincia ci pensa il Governo nazionale: ora ci auguriamo che la Regione proceda celermente a comunicare entro l’8 novembre le sedi dove destinare queste nuove figure professionali da destinare esclusivamente alla gestione delle procedure connesse con la ricostruzione post alluvione. Auspichiamo anche che il presidente Bonaccini provveda al più presto all’adeguamento della piattaforma Sfinge - conclude Buonguerrieri - in modo da dar corso alle richieste di rimborso di cittadini e imprese”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alluvione, in Romagna oltre 200 nuovi funzionari e istruttori per la ricostruzione
ForlìToday è in caricamento