Ambientalisti contro l'assessore Ravaioli: "Vuole le auto in piazza Saffi?"

L'assessore è partito subito riaprendo uno dei più caldi temi di divisione politica negli ultimi anni, vale a dire l'apertura alle macchine di piazza Saffi

Primo passo falso per il neo-assessore alla mobilità, appena insediato, Marco Ravaioli. L'assessore, infatti, è partito subito riaprendo uno dei più caldi temi di divisione politica negli ultimi anni, vale a dire l'apertura alle macchine di piazza Saffi. A parlarne fu Oscar Farinetti, quando venne ad inaugurare Eataly a Forlì, ma dopo poco tempo il sindaco tagliò corto ribadendo l'area off-limits alle auto. E se piazza Saffi rinasce, vedremo presto sfrecciare le macchine, con i loro tubi di scappamento tra le bancarelle del mercato e gli ormai tanti eventi che popolano la piazza cittadina?

Duro il parere di Alberto Conti, coordinatore del tavolo degli ambientalisti che su molte battaglie è stato un prezioso alleato del Comune, ma in questo caso si scaglia contro il nuovo amministratore: “Ravaioli ha aperto alla possibilità, sia pure in via sperimentale, di riportare le auto in piazza Saffi, sembra alludere ad un’ipotesi fin qui del tutto negata dai numerosi atti ed impegni dell’amministrazione comunale in tema di mobilità, in gran parte dovuti tra l’altro, anche a indirizzi sovraordinati regionali e statali in materia. Sarebbe inoltre interessante capire cosa si intenda per "maniera non ideologica" di presentare "argomentazioni valide" per una annosa questione che di certo riguarda tutti, ma sappiamo sostenuta quasi esclusivamente e da lungo tempo delle associazioni di commercianti”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Continua Conti: “Tutto questo mentre - e siamo al terzo assessore con delega alla mobilità della giunta Drei - gli uffici preposti stanno elaborando la stesura del nuovo piano del traffico (auspicabilmente da condividere anche con le Associazioni Ambientaliste), per il quale attualmente c'è incertezza di contenuti e procedure di partecipazione. Comunque, non è certo con le vecchie idee delle auto in Piazza Saffi che si può affrontare lo stato largamente insoddisfacente della mobilità a Forlì. Come considera l'assessore Ravaioli i numerosi impegni presi da chi lo ha preceduto sul tema della mobilità, di volta in volta esplicitati in tutta una serie di piani approvati, e legati a precise norme sovraordinate, che pongono al 2020 il termine entro il quale realizzare la riduzione consistente del traffico automobilistico, a favore di modalità di spostamento più sostenibili, sia dal punto di vista ambientale che economico? Nelle prossime occasioni d’incontro avremo modo di capire le sue posizioni, dettagliandogli bene le nostre, peraltro già a lui recapitate appena insediato”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La vita ai tempi del Coronavirus - Una dipendente di un market spiega tutti i comportamenti sbagliati dei clienti

  • Il coronavirus continua ad uccidere nel Forlivese. Quasi mille contagiati in provincia

  • Coronavirus, martedì drammatico: dieci morti in provincia in 24 ore, 5 a Forlì

  • Coronavirus, superati i mille contagiati in provincia: altri due decessi nel Forlivese. Crescono i guariti

  • Coronavirus, ancora morti nel Forlivese: tre vittime nelle ultime 24 ore. Oltre 900 casi in provincia

  • Perde l'autobus e si siede sconsolato sulla panchina: trova conforto nella Polizia

Torna su
ForlìToday è in caricamento