Difficoltà per i mezzi pesanti senza E45: Muraglione prima chiuso e poi riaperto

Non va meglio per chi passa dalla valle del Savio. La Polizia Stradale del distaccamento di Bagno di Romagna ha anticipato la chiusura dell'E45 a Bagno di Romagna

Impossibile svalicare gli Appennini dalla provincia di Forlì-Cesena alla Toscana per i camion nella mattinata di giovedì, quando anche l'ultimo passo accessibile erastato chiuso ai mezzi pesanti sopra i 75 quintali per diverse ore, il passo del Muraglione tra Forlì e Firenze sulla strada statale 67. La prefettura aveva imposto infatti la temporanea chiusura per le difficoltà di transito coi mezzi pesanti sul passo su cui copiosa è caduta la neve. Il filtraggio della polizia stradale del distaccamento di Rocca San Casciano è avvenuto a valle, a Castrocaro, quindi già pochi chilometri dopo Forlì. In serata, intorno alle 17, è avvenuta la riapertura, con i mezzi dell'Aanas che hanno terminato la pulizia della sede stradale

Non va meglio per chi passa dalla valle del Savio. La Polizia Stradale del distaccamento di Bagno di Romagna ha anticipato la chiusura dell'E45 a Bagno di Romagna, non permettendo il transito fino a Verghereto e Canili, che pure si trovano prima del viadotto sotto sequestro. Questo per permettere una gestione più razionale delle vie alternative. Dallo svincolo di Bagno di Romagna, infatti, si può salire con la provinciale 137 verso Verghereto-Balze-Pratieghi oppure imboccare la provinciale 138 per i Mandrioli. Entrambe le strade sono chiuse ai mezzi pesanti superiori ai 35 quintali. 

Sempre al punto di controllo di Bagno di Romagna anche le auto non fornite di pneumatici invernali vengono mandate indietro. Con entrambi i percorsi si allunga di circa un'ora e mezza il viaggio se si deve tornare in E45 a Pieve Santo Stefano o Sansepolcro.

A rigore restano privi di divieto di transito ai mezzi pesanti i passi della Calla (tra Santa Sofia e Stia-Pratovecchio verso Arezzo) e dei Tre Faggi (tra Premilcuore e San Godenzo verso Firenze). Le strade vengono date come transitabili nonostante la neve, ma essendo due strade provinciali piuttosto tortuose (i Tre Faggi in particolare) si consiglia di non avventurarsi con Tir e mezzi pesanti.

Potrebbe interessarti

  • Sembrano sani, ma non è vero: ecco svelati 7 alimenti da evitare per la dieta

  • Smettere di fumare: come affrontare la dipendenza senza ricaderci

  • Dalla G alla A: come migliorare la classe energetica di casa

I più letti della settimana

  • Tragedia di ritorno dal mare causata da un colpo di sonno: ventenne muore in autostrada

  • Tragedia nella notte in A14: tra i due morti anche una forlivese

  • Mezzanotte di paura, nuova scossa di terremoto nel forlivese

  • La vedova di Bovolenta rivela: "Ho ritrovato l’amore. La vita regala sorprese bellissime"

  • Investimento mortale sulla linea Adriatica: ritardi fino a 3 ore e nove treni cancellati

  • Trema la terra: doppia scossa di terremoto, in tanti lanciano l'allarme sui social

Torna su
ForlìToday è in caricamento