menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Anno nuovo, vita nuova": l'Istituto musicale "Angelo Masini" diventa Fondazione

L'ammodernamento del Masini passa anche dalla risistemazione dei locali che si allargheranno a Palazzo Gaddi

"Anno nuovo, vita nuova". L'istituto musicale Masini rinnova il proprio consiglio d'amministrazione e traccia un nuovo percorso di ammodernamento, che passa anche dalla risistemazione dei locali che si allargheranno a Palazzo Gaddi. Il nuovo consiglio d'amministrazione (nella foto) è composto dal presidente, avvocato Giovanni Ghini, da Raffaella Alessandrini, Alessandro Antonelli, dal Maestro Paolo Olmi e dal Maestro Massimo Mercelli. "Una compagine eccezionale - come l’ha definita Valerio Melandri, assessore alla Cultura in Comune a Forlì – per le diverse competenze".

“In questi mesi – ha proseguito l’Assessore Melandri - il nuovo Cda ha tracciato una strategia. Messo in piedi la trasformazione da ‘ente morale’ a Fondazione. Portato il bilancio da perdita a pareggio. I Maestri Olmi e Mercelli hanno aperto nuovi corsi rispondenti alla richiesta del mondo del lavoro. La professoressa Alessandrini, già provveditore, ha colto l'esigenza del territorio e proposto progetti con le scuole. Ci allargheremo con i locali a Palazzo Gaddi, avremo bisogno di spazi perché avremo più studenti”.

Ghini ha dettagliato questo cambio di passo: "Ringrazio la Giunta e l’assessore Melandri che nominando nel Cda il Maestro Paolo Olmi e il Maestro Massimo Mercelli, due punti di riferimento per la musica a livello italiano e internazionale, hanno individuato nuovi corsi proiettati nel mondo del lavoro. Uno step avvenuto grazie all’azionista di maggioranza, il Comune di Forlì. Indispensabile anche la trasformazione del Masini da ‘ente morale’, dove non sono chiare le responsabilità, rimasto uno dei pochissimi in Italia, a Fondazione". 

"È una scuola e come tutte le scuole deve essere attrattiva - è intervenuta Alessandrini -. Cn il metodo Suzuki il violino si impara da piccolissimi. Adesso il percorso ha una continuità. Da zero anni in poi, fino al momento di andare al Conservatorio". Olmi ha tratteggiato il mercato del lavoro musicale: "La nostra attenzione sarà rivolta a formare musicisti anche rispetto a classi di strumento meno praticate e per le quali ci sono spesso maggiori richieste dal mondo professionistico: fagotto, oboe, corno. Noi li insegneremo e formeremo i giovani. Anche la figura di Maestro sostituto rientra nei nostri programmi a partire dai corsi che inizieranno a settembre". Al direttore Pierluigi Di Tella il compito di illustrare corsi, rispondenti alle richieste del mercato; continuità nelle diverse classi per età, ammissioni e modalità organizzative relative al prossimo anno scolastico.

Manifesto Iscrizioni-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento