Appello su change.org perché le suore di S. Maria del Fiore non lascino Forlì

L’annunciata partenza da Forlì delle Ancelle del Sacro Cuore di Gesù Agonizzante ha portato alcuni genitori del plesso scolastico di via Ravegnana, 96, a lanciare una petizione online, tramite la piattaforma “change.org”

Una raccolta firme per scongiurare l’addio delle suore. L’annunciata partenza da Forlì delle Ancelle del Sacro Cuore di Gesù Agonizzante, le religiose “educatrici” che conducono la scuola paritaria “Santa Maria del Fiore” sin dalla fondazione, nel lontano 1942, ha portato alcuni genitori del plesso scolastico di via Ravegnana, 96, a lanciare una petizione online, tramite la piattaforma “change.org”. Com’è noto, risale al luglio scorso la decisione improvvisa dei vertici dell’ordine religioso, con casa madre a Lugo di Romagna, di “non accogliere ulteriori iscrizioni a partire dall’anno scolastico 2021-2022”, presupposto della cessazione dell’attività didattica entro il 2025 e del ritiro da Forlì delle ultime quattro Ancelle del Sacro Cuore ancora presenti in città.

Alla base della scelta, caduta come un fulmine a ciel sereno sulla piccola ma operosa comunità guidata da suor Paola Banzola (i numeri attuali parlano di 175 alunni e 12 insegnanti laici stipendiati), ci sarebbero ragioni economico-finanziarie: “La condizione strutturale e gestionale non consente il proseguimento dell’attività didattica”. Dopo lo smarrimento iniziale, la notizia ha sortito l’effetto di una grande mobilitazione popolare, condivisa anche dalle istituzioni. Passano alcuni giorni e la task force coordinata dalla stessa Diocesi, incassa la disponibilità della Fondazione Angeli Custodi di Cesena a farsi carico della didattica della scuola sin dal corrente anno scolastico 2020-2021. Il suo rappresentante, don Marco Muratori, che già gestisce tre paritarie a Cesena e, da settembre, una a Rocca San Casciano, si è riproposto di “continuare l’opera educativa che da sempre le suore hanno svolto per la formazione dei tanti fanciulli che hanno frequentato il polo scolastico nei trascorsi 78 anni”.

“Dopo il cambio di gestione a Santa Maria del Fiore – recita l’appello su “change.org” - è stata assicurata la permanenza della direttrice Suor Paola per il periodo necessario ad una transizione serena e organizzata. Purtroppo, la stessa assicurazione non è stata fornita per le altre suore, che si prendono cura dei nostri bambini con immensa dolcezza, grande empatia e professionalità. Presto la Comunità forlivese resterà senza coloro che hanno reso questa Scuola un punto di riferimento per tantissime famiglie, alcune con difficoltà, altre con bisogni speciali, che fino ad oggi sono state tutte ugualmente accolte e ascoltate. Lo spirito che fino ad oggi ha caratterizzato la Scuola rischia di perdersi. Con questa raccolta firme, pensata da un gruppo di genitori, vogliamo sensibilizzare l'intera Comunità forlivese e l'Istituto di Lugo sull'importanza della presenza delle suore al Polo Scolastico, sperando così in un ripensamento sulla loro partenza a giugno 2021”.

Il primo presidio delle Ancelle del Sacro Cuore di Gesù Agonizzante a Santa Maria del Fiore risale al 1942, in piena guerra mondiale, con la fondazione della scuola Materna operata da suor Pierina e suor Bartolomea su richiesta dei frati Cappuccini, che all’epoca gestivano l’attigua chiesa parrocchiale. Nel 1947 è sorta anche la Primaria, mentre la Sezione Primavera dell’asilo ha visto la luce in tempi recenti, nel 2012, l’anno in cui i Cappuccini hanno lasciato per sempre Forlì dopo ben 500 anni. Nel 2021 toccherebbe alle suore recidere il legame con la comunità che le ha accolte: l’auspicio di tanti forlivesi e che questo ulteriore strappo non avvenga. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Pensioni dicembre: pagamento anticipato, il calendario per ritirarle alla Posta

  • Attaccato dai cinghiali che aveva "adottato": il 65enne non ce l'ha fatta

  • Porta loro da mangiare, viene aggredito dai cinghiali che aveva "adottato": trasportato d'urgenza al Bufalini

  • Dopo la morte del figlio, l'anziana titolare si ritira: la prima fabbrica di cioccolato della Romagna è in vendita

  • Lo storico marchio della piadina cambia di proprietà. La produzione resta a Forlì

Torna su
ForlìToday è in caricamento