Approvato il piano per riqualificare gli edifici pubblici di Forlì: investimento da oltre 3 milioni di euro

Gli interventi, viene spiegato, "rappresentano la parte più importante e innovativa della proposta di Hera Servizi Energia, trattandosi di migliorie dei sistemi edificio-impianti"

Il Consiglio comunale di Forlì ha approvato un project financing per l’efficientamento energetico e il miglioramento sismico, che consentirà un risparmio del 17,5% di energia all’anno nella gestione degli impianti di energia termica degli edifici di proprietà del Comune. Il progetto, che dopo la delibera consiliare sarà posto in gara, è proposto da Hera Servizi Energia, la Energy Service Company di riferimento per il risparmio energetico dei settori Pubblica Amministrazione, Condomini ed Industriale del Gruppo Hera Spa, con sede a Forlì.

"In particolare - spiegano l'assessore con delega alle politiche energetiche Giuseppe Petetta e l'assessore ai lavori pubblici Vittorio Cicognani - la proposta prevede la gestione di 182 impianti degli edifici comunali di cui 57 istituti scolastici, 50 strutture sportive, 41 sedi di uffici pubblici e circa 38 edifici destinati all'utilizzo sociale e culturale. Oltre alla manutenzione e alla gestione energetica di tali edifici nel corso del periodo stabilito, il progetto prevede interventi di miglioramento sismico in 5 edifici e interventi di riqualificazione energetica in 21 edifici, da realizzare entro i primi 2 anni. I numerosi interventi di riqualificazione energetica proposti porteranno a un consistente contenimento dei consumi, che consentiranno il recupero di una parte degli investimenti necessari che non saranno a carico del Comune (e quindi della comunità), bensì saranno interamente sostenuti da Hera Servizi Energia e recuperati nel corso dei 9 anni della convenzione".

"Gli interventi di riqualificazione energetica e contestuale miglioramento sismico ammontano ad oltre 3,1 milioni di euro e rappresentano la parte più importante e innovativa della proposta di Hera Servizi Energia, trattandosi di migliorie dei sistemi edificio-impianti, come l’inserimento di cappotti, il miglioramento strutturale antisismico, il posizionamento di pannelli solari o la riqualificazione di impianti elettrici e di climatizzazione invernale ed estiva - proseguono gli assessori -. Il progetto consentirà, inoltre, un balzo di notevolissima portata nella sostenibilità degli edifici pubblici cittadini, con risparmi del 17,5% dei kWh oggi utilizzati consentendo di evitare immissioni in atmosfera di 420 tonnellate di Co2 ogni anno e migliorando quindi la qualità dell’aria, senza contare che i risparmi continueranno anche dopo il termine della concessione. Basti pensare che il fabbisogno attuale è 11.910.000 KWh/anno ma, grazie agli interventi di riqualificazione energetica degli edifici, sarà possibile risparmiare fino a 18,8 milioni di KWh/anno tra energia termica ed elettrica, corrispondenti al fabbisogno di 1.500 famiglie/ 70 ettari di bosco". Vi sarà, ad ulteriore vantaggio del Comune di Forlì, la possibilità di accedere agli incentivi del Conto Termico 2.0. recentemente migliorato dal Decreto legge del 14 agosto 2020 numero104 (coordinato con la Legge di conversione 13 ottobre 2020 numero 126)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sciagura in viale dell'Appennino: pedone muore travolto sulle strisce pedonali

  • L'annuncio di Bonaccini: "L'Emilia-Romagna torna "zona gialla" da domenica"

  • Muoiono in un incidente aereo quattro giorni dopo le nozze, lutto per un ex assessore

  • Ora è ufficiale: da domenica Emilia Romagna in zona gialla. Bar e ristoranti riaprono fino alle 18. Poi solo asporto o consegne a domicilio

  • Meteo, dicembre debutterà col freddo e la neve: fiocchi in arrivo a bassa quota

  • Perde il controllo dell'auto e si ribalta: nuovo incidente sulla "Bidentina" - LE FOTO

Torna su
ForlìToday è in caricamento