menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Appuntamento per la brigata aeromobile con l’esercitazione “Pegaso 2012”

Nei giorni scorsi il personale del comando e dei reparti della brigata aeromobile "Friuli" che costituiranno l'ossatura dell'unità in Libano nell'ambito dell'operazione "Leonte 13"

Nei giorni scorsi il personale del comando e dei reparti della brigata aeromobile “Friuli” che costituiranno l’ossatura dell’unità in Libano nell’ambito dell’operazione “Leonte 13”, si sono addestrati presso il centro di simulazione e validazione dell’esercito (Ce.Si.Va.). Il Ce.Si.Va., dislocato per esigenze logistiche presso il comando di artiglieria di Bracciano, assicura la preparazione e l’aggiornamento del personale militare destinato ad incarichi di comando e di staff per le operazioni all’estero.

L’ attività svolta dalla brigata “Friuli” durata due settimane è stata sviluppata con l’ausilio delle più moderne tecnologie che riproducono in maniera fedele eventi reali che il personale della forza armata, in turnazione nei teatri operativi, si è già trovato ad affrontare. Fra i reparti costituenti la joint task force Lebanon, hanno operato il reggimento Savoia cavalleria di Grosseto, personale dal 66° reggimento aeromobile di Forlì ed il reparto comando e supporti della brigata, rinforzati dal reggimento Piemonte cavalleria di Villa Opicina (TS), dal 6° reparto manovra di Pisa, da personale tratto dal 2° reggimento trasmissioni di Bolzano e da quello del 2° reggimento genio di Piacenza.

Lo staff del comando brigata  ed i comandanti subordinati diretti dal generale Antonio Bettelli, comandante del futuro contingente di previsto impiego a fine anno, sono stati chiamati a pianificare le attività originate da un complesso sistema informatico, ad analizzare differenti situazioni operative, problematiche di natura logistica ed impegni nell’ambito della cooperazione civile e militare, il tutto finalizzato ad armonizzare le migliori soluzioni per impiegare uomini e mezzi.

Le simulazioni proposte dal centro hanno anche previsto attività mediatica sviluppata attraverso la gestione delle crisi, le interviste al personale e l’organizzazione e la conduzione di una conferenza stampa.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una ricetta che sa di casa: le zucchine ripiene

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento