Non gradisce la decisione dell'arbitro e lo schiaffeggia: al torneo di tennis arriva la Polizia, padre denunciato

Sul posto è intervenuta una Volante dell’Ufficio Prevenzione Geneale della Questura, che ha avviato le indagini del caso

Arbitro di tennis aggredito e ingiuriato. Si è concluso con la denuncia in stato di libertà per lesioni aggravate e minacce un episodio avvenuto domenica pomeriggio al circolo tennis di Carpena, che ha visto protagonista un uomo 48enne milanese, padre di un giovane atleta partecipante ad un torneo nazionale. L’uomo, inseguito ad una decisione arbitrale, ha schiaffeggiato il direttore di gara e lo ha pesantemente minacciato e ingiuriato. Sul posto è intervenuta una Volante dell’Ufficio Prevenzione Geneale della Questura, che ha sentito la parte lesa ed alcuni testimoni, dai quali è stata ottenuta la targa del veicolo con cui l’autore dell’aggressione si era allontanato.

La sua identificazione è stata comunque piuttosto veloce anche grazie al fatto che il figlio era iscritto al torneo Open 2000 nazionale maschile che si svolge fino a mercoledì. L’arbitro ha presentato querela, dopo essersi recato al pronto soccorso, dove è stato refertato con una prognosi di tre giorni di guarigione. La Polizia ha configurato la sussistenza, tra le altre, di una circostanza aggravante introdotta in recenti provvedimenti legislativi diretti al contenimento della violenza durante le manifestazioni sportive, che prevede – appunto – che il fatto sia più grave qualora avvenuto “in occasione o a causa di manifestazioni sportive” (Legge dell'8 agosto 2019, numero 77).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Pensioni dicembre: pagamento anticipato, il calendario per ritirarle alla Posta

  • Attaccato dai cinghiali che aveva "adottato": il 65enne non ce l'ha fatta

  • Porta loro da mangiare, viene aggredito dai cinghiali che aveva "adottato": trasportato d'urgenza al Bufalini

  • Dopo la morte del figlio, l'anziana titolare si ritira: la prima fabbrica di cioccolato della Romagna è in vendita

  • Lo storico marchio della piadina cambia di proprietà. La produzione resta a Forlì

Torna su
ForlìToday è in caricamento