menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Trasmissioni in tv, ritirata l'accusa di peculato per il sindaco

Non ci sarà il processo per il sindaco Roberto Balzani con l’accusa di peculato. Nella vicenda della trasmissione tv “Casa Comune" è stata la stessa procura della Repubblica a richiedere il non luogo a procedere per mancanza di prove.

Non ci sarà il processo per il sindaco Roberto Balzani con l’accusa di peculato. Ad annunciare la clamorosa svolta delle indagini sono i quotidiani di domenica mattina. Nella vicenda della trasmissione tv “Casa Comune” che – come aveva annunciato lo stesso Balzani – aveva portato ad un avviso di garanzia al primo cittadino con l’ipotesi di peculato (l’aver vale a dire utilizzato soldi pubblici per il proprio tornaconto personale ) è stata la stessa procura della Repubblica a chiedere il non luogo a procedere.

Il gip Rita Chierici ha quindi vagliato la richiesta dell’organo inquirente, firmata sia dal pm Filippo Santangelo sia dal procuratore capo Sergio Sottani, e ha dato il suo avallo: caso chiuso, archiviato per “mancanza di prove”. Nelle ipotesi iniziali Balzani avrebbe utilizzato circa 14mila euro di denaro pubblico in due anni per finanziare la trasmissione tv “Casa Comune” di Videoregione. Questo gli avrebbe portato un vantaggio di immagine personale, un utilizzo delle risorse a fini propagandistici.

Invece così non è. La Guardia di Finanza ha vagliato tutte le puntate registrate del programma andato in onda sulla tv locale, arrivando alla conclusione che “non è possibile scindere i contenuti propagandistici dalle informazioni istituzionali”. D’altra parte, il format televisivo è basato su un format domanda-risposta, dove il primo cittadino risponde alle questioni poste dalla cittadinanza, mentre il servizio a Videoregione è stato affidato mediante un bando pubblico.

La vicenda acrà senza dubbio anche un risvolto politico. Il sindaco, infatti, aveva annunciato che si sarebbe dimesso in caso di rinvio a giudizio. L'inchiesta è stata chiusa in tempo lampo: l'avviso di garanzia arrivò alla fine dell'anno e alla fine di dicembre il sindaco si sottopose all'interrogatorio per spiegare che si trattava solo di informazione in tv.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una ricetta che sa di casa: le zucchine ripiene

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento