rotate-mobile
Sabato, 24 Settembre 2022
Cronaca

Area Vasta Sanità, i precari dell'Ausl di Forlì in rivolta

Una corposa nota nota firmata "Gruppo precari Amministrativi AUSL Forlì" vuole fare luce su "quanto sta accadendo all'interno dell'organizzazione dell'Ausl di Forlì in vista dell'unificazione delle Aziende Romagnole che andranno a costituire Area Vasta Romagna. A tal proposito ci preme sottolineare come Forlì sia l'unica azienda a trovarsi con un numero elevato di personale precario"

Una corposa nota nota firmata “Gruppo precari Amministrativi AUSL Forlì” vuole fare luce su “quanto sta accadendo all’interno dell’organizzazione dell’Ausl di Forlì in vista dell’unificazione delle Aziende Romagnole che andranno a costituire Area Vasta Romagna. A tal proposito ci preme sottolineare come Forlì sia l’unica azienda a trovarsi con un numero elevato di personale precario, senza una chiara, trasparente e concertata programmazione delle assunzioni e distribuzione delle risorse al fine di garantire ai cittadini i servizi attualmente presenti sul territorio”.

Poi la nota scende nel dettaglio per andare a eviscerare il problema che i precari vogliono fare emergere: “Per meglio comprendere quanto sopra descritto e immaginare quali potrebbero essere gli scenari futuri, qualora non si procedesse ad una concreta pianificazione delle risorse e ad una copertura stabile e continuativa dei posti vacanti,  preme delineare di seguito quelle che sono le situazioni attualmente in essere nell’AUSL di Forlì. Direzione amministrativa ospedaliera: 2 persone in segreteria di cui 1 precaria (dovendo ricoprire sia il turno di mattina che quello di pomeriggio, una persona non sarebbe sufficiente). Cassa / Accettazione ricoveri Forlì: 9 persone di cui 4 precarie ed una titolare di Posizione Organizzativa in quanto responsabile dell’Ufficio Cassa (la Cassa deve essere aperta tutto il giorno e con l’afflusso quotidiano di gente, è necessario ricoprire i due turni su più sportelli. Lo sportello Accettazione è aperto solo di mattina e il turno è ricoperto solamente da un unico dipendente di ruolo che per tale motivo non può presidiare lo sportello Cassa). Integrazione socio-sanitaria: 2 precari su 4 (un incarico di ruolo è ad orario ridotto per la legge 104). Direzione Distretto: 1 precario su 4 (tra gli incarichi di ruolo ci sono 2  Posizioni Organizzative). Dipartimento Cure Primarie: 18 persone svolgono incarichi di front/back nelle sedi di Via Oberdan / Meldola / Presidio Ospedaliero, di cui 11 sono precarie e una in comando per un anno (per quanto riguarda tutte le altre sedi territoriali, a parte Forlimpopoli, ci si avvale della collaborazione delle ASP). Medicina Legale: 4 precari su 7 ( tra le persone di ruolo c’è un incarico part-time di 18 ore settimanali). A questo elenco – prosegue la nota - andrebbe aggiunto tutto il personale con contratti a scadenza che svolge servizio nei punti di accettazione ambulatoriali del Presidio e presso la sede di Via Colombo (es: Accettazione Ambulatorio Cardiologia: due dipendenti, di cui uno precario, che ricoprono due turni), presso il Dipartimento di Sanità Pubblica (3 precari piu un lsu), presso la Direzione Assistenza farmaceutica (1 precario), presso il Dipartimento di Salute Mentale (1 precario)”.

I numeri parlano di 29 precari nel settore amministrativo dell'Ausl. “E’ importante chiarire come il personale amministrativo rappresenti il punto di raccordo tra la gestione delle attività strettamente sanitarie e la fruizione delle stesse da parte del cittadino. - segnala nella nota il gruppo dei precari - Per tutelare il diritto alla salute è fondamentale riconoscere il ruolo centrale e non marginale dell’amministrativo che, svolgendo la propria attività, garantisce l’accesso, l’efficienza e l’efficacia dei servizi primari. Non confermando il personale attualmente presente e appositamente formato si rischierebbe di non dare continuità a tali servizi se non addirittura di chiuderli.

Nel corso del 2011 sono stati espletati quattro concorsi pubblici per amministrativi per le categorie di  Collaboratore Amministrativo Professionale – Cat. D, Assistente Amministrativo – Cat. C, Coadiutore Amministrativo Esperto – Cat Bs, Coadiutore Amministrativo – Cat. B Inutile sottolineare i costi ingenti che ne sono derivati, le illusioni e le aspettative dei partecipanti. Da tali concorsi sono stati assunti a tempo indeterminato solo i rispettivi vincitori. La maggior parte del personale attualmente impiegata nei diversi servizi sopra riportati è stata assunta con contratto a tempo determinato ed in scadenza nell’anno in corso o nei primi mesi del 2014”, conclude la nota.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Area Vasta Sanità, i precari dell'Ausl di Forlì in rivolta

ForlìToday è in caricamento