L'ex mette fine alla convivenza, lui la minaccia di morte: arrestato per maltrattamenti

Il giudice Giorgio Di Giorgio (pubblico ministero Filippo Santangelo) ha convalidato l'arresto

Annebbiato dai fumi dell'alcol, ha cercato di aggredire l'ormai ex convivente, offendendola e minacciandola di morte. Un cittadino albanese, residente a Forlì, in regola con il permesso di soggiorno, è stato arrestato dagli agenti delle Volanti della Questura di Corso Garibaldi venerdì per "maltrattamenti in famiglia". A chiedere l'intervento della Polizia è stata la donna stessa, italiana, che ha segnalato alla Centrale Operativa come il suo compagno, col quale ormai la relazione era terminata, avrebbe continuato a manifestare con un atteggiamento violento la sua pretesa di proseguire la convivenza nell’appartamento di lei.

La donna, per tutta risposta, aveva preparato gli effetti personali dell’ex e li aveva collocati fuori dell’appartamento, cambiando la serratura della porta d’ingresso. Ma lui pretendeva di tornare in casa, incurante della volontà dell'ormai ex compagna, forse con la speranza che il loro vincolo affettivo potesse ravvivarsi nuovamente. Quando la Polizia è giunta su posto ha trovato l’uomo in strada, ubriaco, che in diverse occasioni ha cercato di aggredire la richiedente, offendendola ed anche minacciandola di morte. Dentro l’auto, aveva anche un cutter, che è stato sequestrato.

Dagli approfondimenti del caso è emerso che negli ultimi tempi la signora aveva richiesto altre volte l’intervento delle forze dell’ordine, sempre per comportamenti molesti di quell’uomo, e che lo aveva anche denunciato. La gravità dell’ultimo episodio, avvenuto nonostante la presenza dei poliziotti, ha indotto quindi gli agenti a formulare a suo carico l’ipotesi di reato di maltrattamenti in famiglia, per la quale la legge rende obbligatorio l’arresto.

Il giudice Giorgio Di Giorgio (pubblico ministero Filippo Santangelo) ha convalidato l'arresto, disponendo a carico dell'indagato la misura cautelare del divieto di avvicinamento alla parte offesa. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Non rispondeva al telefono: trovato senza vita seduto sul divano davanti alla tv

  • Si apparta per un incontro sessuale, ma l'altro pretende del denaro: una denuncia per estorsione

  • Drammatico incidente sul lavoro: resta incastrato in un tornio e l'avambraccio resta amputato

  • "Il coraggio di dire sì al Signore": giovane architetto forlivese lascia la professione e diventa monaca di clausura

  • Un sushi in salsa romagnola: dopo le cene a domicilio la famiglia decide di aprire un ristorante

  • "Volevamo avere qualcosa di nostro": tutta la famiglia si rimbocca le maniche ed apre un bar

Torna su
ForlìToday è in caricamento