menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bimba fa rumore, il vicino di casa perseguita la madre: arrestato in flagranza

Le indagini degli uomini dell'Arma sono iniziate alla fine di gennaio quando una giovane forlivese ha denunciato ripetuti danneggiamenti alla propria auto

I Carabinieri di Ronco hanno arrestato in flagranza di reato per "atti persecutori", "danneggiamento aggravato" e "resistenza a pubblico ufficiale" un 46enne napoletano, già noto alle forze dell'ordine. Le indagini degli uomini dell'Arma sono iniziate alla fine di gennaio quando una giovane forlivese ha denunciato ripetuti danneggiamenti alla propria auto (imbrattamenti della carrozzeria ed inserimento di chiodi sotto i pneumatici). I fatti avvenivano sempre in orario notturno, quando la vettura si trovava parcheggiata in strada davanti all'abitazione della malcapitata.

Dato il susseguirsi dei vandalismi, i militari di Ronco, sotto il coordinamento del Comando Compagnia di Forlì, hanno svolto numerosi servizi di osservazione notturni. Le indagini si sono concentrato su un soggetto napoletano, che abitava nell’appartamento sottostante a quello della vittima, che in talune occasioni aveva rimproverato e minacciato la donna, a suo dire, responsabile di continui rumori molesti causati dalla figlia minore (di circa tre anni).

Nella nottata di mercoledì i militari hanno sorpreso in azione, intorno alle 4, il sospettato: dopo essersi affacciato dalla finestra dell’abitazione, è sceso in strada e, dopo aver verificato che non vi fosso nessuno, ha tentato di imbrattare con una bomboletta spray di colore bianco la fiancata sinistra dell'auto. I militari hanno subito bloccato il soggetto, che ha opposto resistenza. Il giudice Floriana Lisena (pubblico ministero Federica Messina) ha convalidato l'arresto, disponendo la misura cautelare del divieto di dimora nella provincia di Forlì-Cesena.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Scroccadenti romagnoli, uno tira l'altro: la ricetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento