Cronaca

Capra sbranata dai lupi in un giardino alle porte di Forlì: "Trovare un punto di equilibrio"

Non si tratta di una casa isolata nei boschi, ma di una delle tante case e ville singole che si trovano sulle prime colline forlivesi, fuori dalla città per appena qualche chilometro

Un attacco di lupi alle porte della città di Forlì. E' quanto avvenuto in via Le Selve nella zona di Ravaldino in Monte, dove la scorsa settimana è stata attaccata e sbranata una capra. E' successo la notte dello scorso mercoledì. Non si tratta di una casa isolata nei boschi, ma di una delle tante case e ville singole che si trovano sulle prime colline forlivesi, fuori dalla città per appena qualche chilometro, in contesti non urbani ma comunque molto antropizzati. Via Le Selve è a circa 8 chilometri dalla via Emilia, che è la linea ideale di demarcazione tra collina e pianura.

Racconta il proprietario della capra: “Sentivo latrare forte i cani quella notte, tanto che sono sceso e ho perlustrato il retro della casa con la torcia, accendendo le luci”. Lì per lì, però, non si accorge dell'assenza della capra dal suo giardino e la macabra scoperta viene fuori il giorno dopo, con la luce del sole. “Inizialmente avevo pensato che la capra potesse essere morta da sola e magari la carcassa attaccata da qualche cane della zona”. Il cittadino in questione ha regolarmente avvisato il servizio veterinario dell'Ausl che ha constatato che, nelle sue modalità, si è trattato con ogni probabilità di un attacco di lupi. Sono stati fatti i rilievi fotografici, comprese le impronte lasciate dal predatore.  L'episodio fa il paio con un altro che si è verificato nel Cesenate negli stessi giorni: anche in questo caso un branco di lupi ha ucciso un cane, un asino e diverse pecore a Montenovo, frazione di Montiano, in questo caso a 6 chilometri circa dall'asta della via Emilia, alle porte della città di Cesena. 

“Non è tanto per la capra e per il valore in sé. Amo gli animali, ma mi domando quale possa essere il punto di equilibrio tra presenza del lupo e dell'uomo. Qui ora abbiamo paura anche ad andare nel nostro giardino e nel percorrere cento metri di strada a piedi per raggiungere i nostri parenti – spiega il residente di via Le Selve -. I lupi inoltre stanno prendendo troppa 'confidenza' e come si vede in questo caso non temono di avvicinarsi troppo alla case. Penso che si dovrebbe cominciare ad affrontare il problema seriamente, senza catastrofismi e senza pregiudizi sul controllo della popolazione del lupo e trovare un punto di equilibrio, se no di questo passo ce li troveremo in piazza Saffi”.

Con i processi di ripopolamento nel giro di pochi anni i lupi sono scesi dai crinali appenninici e si stanno diffondendo anche nei fondovalle ed ora anche sulle prime colline forlivesi. Risalgono a pochi mesi fa degli avvistamenti di lupi a Castiglione di Forlì, mentre altri avvistamenti a Casemurate, addirittura oltre alla via Emilia, è stato poi appurato dai Carabinieri Forestali che si trattava di cani lupo cecoslovacco vaganti, molto simili ai lupi. Una segnalazione quest'ultima che fa aprire una parentesi anche sul problema del randagismo nelle campagne. 

impronta lupo-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Capra sbranata dai lupi in un giardino alle porte di Forlì: "Trovare un punto di equilibrio"

ForlìToday è in caricamento