menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Attestato di merito dalla Regione all'Associazione "Tison"

La Presidenza dell'Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna ha deciso di conferire all'Associazione “Vittorio Tison” un prestigioso Attestato al Merito per le attività in Africa

“Un lavoro prezioso e insostituibile, motivo di particolare orgoglio per la comunità della nostra Regione e uno dei tratti distintivi del nostro patrimonio democratico e solidaristico”. Con queste significative parole, la Presidenza dell'Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna ha deciso di conferire all'Associazione “Vittorio Tison” un prestigioso Attestato al Merito per le attività in Africa e al servizio della società regionale svolte in stretta collaborazione con l’IRST - Istituto Scientifico Romagnolo per lo Studio e la Cura dei Tumori di Meldola. Un segno tangibile, seppur simbolico, della stima e dell'attenzione che l'Associazione gode non solo tra le centinaia di persone che la sostengono direttamente, anche tra le più alte istituzioni regionali.

 Il riconoscimento assume ancor più valore poiché avvenuto proprio a fine 2011, proclamato dal Consiglio dell'Unione Europea “Anno europeo del Volontariato” e contestualmente celebrato dall'ONU come “Anno internazionale del Volontariato”.  Con questo attestato la Presidenza del “Parlamento” regionale “intende manifestare la propria vicinanza a tutte le associazioni – prosegue il Presidente dell'Assemblea, Matteo Richetti – che con spirito di dedizione umana e civile svolgono un'attività al servizio della nostra comunità”.

Nata nel 1999 dalla volontà di alcuni amici e colleghi in memoria del Dottor Vittorio Tison, stimato anatomo-patologo faentino scomparso prematuramente, l'Associazione è presieduta dal Prof. Dino Amadori e opera in Tanzania. Scopo principale è quello di promuovere iniziative culturali e scientifiche di solidarietà, soprattutto in campo oncologico in Tanzania. Un campo nel quale interviene grazie anche al prezioso supporto volontario dei medici e dei professionisti dell'IRST.

In Tanzania il dottor Tison aveva dato un notevole contributo alla realizzazione di un Dispensario Poliambulatorio a Mbweni e l’Associazione, sin dall’inizio della sua fondazione, ha voluto portarne avanti idee e progetti. E’ nato così, nel 2000, all’interno dell’ospedale cittadino “Bugando Medical Center” di Mwanza – città situata nella parte occidentale della Tanzania – il Laboratorio di Anatomia Patologica fortemente desiderato dal Dottor Tison. Obiettivo della struttura è di garantire diagnosi veloci ed efficienti in un paese in cui i tumori rappresentano la seconda causa di morte dopo le principali malattie infettive (Aids, malaria e tubercolosi).

Un altro importante progetto, realizzato grazie anche all´impegno dell´IRST di Meldola, dello IOR – Istituto Oncologico Romagnolo e dello IOV – Istituto Oncologico Veneto, è stato la realizzazione dell’Unità Oncologica del “Bugando Medical Center” attiva già dal gennaio 2009. L’associazione sostiene a tale scopo la formazione di medici tanzanesi nella disciplina medica oncologica finanziando loro la permanenza in Italia per tutta la durata del corso di specializzazione nelle Università di Ferrara e Padova e dando loro la possibilità di svolgere il tirocinio formativo all’IRST. Per garantire supporto e continuità dell’assistenza oncologica a Mwanza, l’Associazione garantisce un turn over di oncologi italiani che ogni 20-30 giorni partono per assicurare la copertura assistenziale durante l´intero anno.


Tra i prossimi obiettivi dell’Associazione, indubbiamente impegnativo quanto significativo è il completamento del padiglione dedicato ai malati oncologici attualmente in costruzione presso il Bugando Medical Center, dove saranno collocati locali per l’assistenza e la terapia in regime di ricovero e Day Hospital. Nel nascente Polo Oncologico struttura sarà inoltre presente un Servizio di Medicina Nucleare e una Unità di Radioterapia dove verrà collocato un acceleratore lineare donato da un’azienda biomedicale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento