Cronaca

Covid, oltre 1900 operatori sanitari non vaccinati in Ausl Romagna

E' quanto emerge dal report sull'andamento dell'epidemia da coronavirus comunicato mercoledì dall'Ausl Romagna

E' del 90,4% la percentuale degli operatori sanitari in Ausl Romagna potenzialmente immune al covid-19, mentre sono 1.982 coloro che sono suscettibili all'infezione. E' quanto emerge dal report sull'andamento dell'epidemia da coronavirus comunicato mercoledì dall'Ausl Romagna. Per medici, infermieri, operatori delle varie professioni sanitarie e assistenti socio-sanitari la legge prevede l'obbligo vaccinale quale requisito per l'esercizio della professione. E chi non si sottopone alla vaccinazione va incontro alla sospensone.

In Ausl Romagna, su 20.653 persone si sono sottoposti alla vaccinazione in 18.188, pari all'88,1% sul totale, mentre coloro che hanno contratto il covid e che devono attendere circa tre mesi per la prima somministrazione del siero anti-covid sono 483. I potenzialmente immuni sono 18.671. Sono 893 gli infermieri o caposala che non si sono vaccinati, mentre i medici suscettibili all'infenzione sono 333.

Inoltre non sono ancora immunizzati 142 operatori soci-sanitari, 256 amministrativi, 128 tecnici, 32 tra farmacisti, biologi e psicologi, 10 dirigenti e 10 veterinari. L'Ausl Romagna, secondo le normative nazionali e le indicazioni della Regione, ha comunicato a coloro che non si sono sottoposti alla vaccinazione di chiarire le ragioni per le quali non hanno adempiuto all'obbligo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid, oltre 1900 operatori sanitari non vaccinati in Ausl Romagna

ForlìToday è in caricamento