Guanti e bastoni "acchiappa rifiuti": i "gilet gialli" riempiono 11 bidoni

I volontari dei Romiti sono tornati in azione per pulire una parte di territorio della città dai sacchi di rifiuti abbandonati dai soliti incivili

Guanti, bastoni "acchiappa rifiuti", bidoni e l'immancabile gilet giallo fluo. I volontari dei Romiti sono tornati in azione per pulire una parte di territorio della città dai sacchi di rifiuti abbandonati dai soliti incivili. "Abbiamo raccolto frazioni di rifiuti, accuratamente differenziati in contenitori dedicati, con passaggi per fossi, strade varie e nei parchi tre contenitori da 360 litri di plastica e lattine, tre contenitori da 360 litri di carta, tre contenitori da 360 litri di indifferenziata, e due contenitori da 120 litri di vetro", illustra Maurizio Naldi, presidente del coordinamento zona-ovest.

L'intento dell'iniziativa, ha aggiunto, era quello di "sensibilizzare i cittadini nel rispetto ambientale, tenere pulito è un dovere civico di tutti e occorre farlo quotidianamente". Le frazioni raccolte in contenitori dedicati appositi saranno riutilizzate e riciclate per produrre beni, con un risparmio energetico e salvaguardia dell'ambiente. Quella di sabato è stata la quarta giornata organizzata come azione di volontariato, ma quotidianamente i "gilet gialli" sono all'opera per il bene del quartiere "perché il vederlo pulito e in ordine riteniamo sia già un elemento positivo contro il degrado e l'insegnamento di una coscienza educativa nei giovani che devono crescere nel rispetto dell'ambiente". Prossimamente sono previste altre giornate ecologiche per la raccolta dei rifiuti con gruppi organizzati per le strade della città.

"Il tenere pulito il territorio è dovere civico di tutti e occorre farlo quotidianamente - prosegue Naldi -. E’ un importante esempio educativo soprattutto per le nuove generazioni e siamo convinti sia utile a sensibilizzare la popolazione e ad attirare l’attenzione sul problema degli abbandoni , contribuendo ad affrontarlo in concreto. E’ un esempio positivo finalizzato ad aumentare il rispetto per l’ambiente che tutti noi dovremmo avere come stimolo personale. Tutto si può migliorare. Pur con i problemi avuti all’avvio, la raccolta differenziata porta a porta,che i nostri cittadini,nella stragrande maggioranza,stanno attuando con diligenza,è sicuramente un passo avanti verso un futuro più sostenibile. Le frazioni raccolte differenziate saranno riutilizzate e riciclate per produrre beni, con risparmio di energia e salvaguardia del nostro pianeta".

Conclude Naldi: "Nei prossimi giorni sempre assieme al Wwf ed al Tavolo delle Associazioni Ambientalistiche di Forlì, cominceremo a programmare l’eco volontariato cittadino per la pulizia urbana e per la tutela del decoro degli spazi comuni, in modo da coinvolgere il maggior numero di volontari nel miglioramento ambientale del nostro territorio".

Potrebbe interessarti

  • Sembrano sani, ma non è vero: ecco svelati 7 alimenti da evitare per la dieta

  • Dalla G alla A: come migliorare la classe energetica di casa

  • Parcheggi gratuiti per future mamme e neogenitori: ecco tutte le informazioni per ottenere il pass

I più letti della settimana

  • La vedova di Bovolenta rivela: "Ho ritrovato l’amore. La vita regala sorprese bellissime"

  • Investimento mortale sulla linea Adriatica: ritardi fino a 3 ore e nove treni cancellati

  • Trovata senza vita in casa, aveva dei lividi. Gli accertamenti escludono la morte violenta

  • Rientro dalle ferie amaro: gli rubano l'armadietto blindato con le armi e viene anche denunciato

  • Taccheggiatrici seriali all'iper, la mamma poteva contare sull'aiuto della figlioletta: stanate dalla Polizia

  • Schianto alla rotonda della tangenziale di Bussecchio: due giovani feriti

Torna su
ForlìToday è in caricamento