Nuovo look per le facciate degli edifici del centro: il Comune ci mette 200mila euro

L'area interessata è quella del centro storico e saranno privilegiate le vie della città che fanno parte del progetto di viabilità sostenibile

La Giunta del Comune di Forlì ha deliberato martedì un bando per accedere, a fondo perduto, a somme destinate alla riqualificazione delle facciate degli edifici del centro storico. Il totale è 200mila euro: somma che permetterà a chi ne presenterà la richiesta una contribuzione corrispondente al massimo al 50% dell’intervento (per un massimo di 20.000 euro erogati per edificio). L'area interessata è quella del centro storico e saranno privilegiate le vie della città che fanno parte del progetto di viabilità sostenibile e che stanno conoscendo proprio in questi giorni i lavori di riqualificazione e messa in sicurezza.

Il contributo potrà essere erogato per tutti i fronti prospicienti su spazi pubblici o gallerie di uso pubblico, oltre che per tutti i fronti che costituiscono quinta urbana. Si privilegeranno i lavori su edifici affacciati su spazi pubblici o di valore storico. Sarà possibile richiedere il contributo del Comune a partire da gennaio/febbraio 2019, per diverse tipologie di lavoro: dalla manutenzione ordinaria alla straordinaria, risanamento e ristrutturazione edilizia. Qualora all’interno di un più ampio progetto di ristrutturazione vi fosse anche un lavoro sulla facciata – purché non sia ancora iniziato – sarà possibile scorporarlo dal progetto iniziale e presentarlo come indipendente al Comune. Le domande andranno inviate via PEC e dovranno assolutamente precedere l’inizio dei lavori.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La documentazione richiesta sarà snella - spiega l’architetto Mara Rubino -: fotografie, assenso dei proprietari, dichiarazione di proprietà, dichiarazione che deve illustrare la tipologia dell’intervento". La specialità di questo contributo è che sarà cumulabile con altre tipologie di detrazione (ad esempio quella fiscale), da applicare naturalmente solamente sulla somma effettivamente spesa dagli attori privati coinvolti. Questo bando, i cui dettagli sono ancora in via di definizione, ha l’obiettivo di favorire il recupero della residenzialità e della funzione turistica del centro storico, favorendo l’iniziativa  dei privati per contrastare il degrado sociale. Si tratta solo dell’ultima assegnazione a fondo perduto, e va a sommarsi al fondo perduto per la sismica erogato l’anno scorso, al bando di rigenerazione urbana e agli sgravi fiscali per chi ristruttura in centro storico, oltre che all’agevolazione di 3 anni rivolta alle start-up che decidono di aprire un’attività artigianale in centro storico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'auto sbanda e invade la corsia opposta: lo schianto è inevitabile, muore un uomo di 59 anni

  • Tragedia sulla Cervese alle prime luci del mattino, c'è un morto: chiusa al traffico la strada

  • Saette, tuoni e brusco calo delle temperature. E c'è una nuova allerta temporali

  • Prima sfuriata temporalesca nel Forlivese, venti oltre i 70 km/h: crollano diversi alberi

  • Saetta colpisce e incendia un'insegna pubblicitaria sulla Cervese

  • Attesi altri temporali, l'allerta meteo comunicata al telefono: "Ridurre gli spostamenti"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento