"Basta aggressioni": una raccolta firme per difendere divise, medici, autisti ed insegnanti

Da mercoledì anche a Forlì-Cesena partirà la campagna di raccolta firme promossa dal Siulp, per sensibilizzare l'opinione pubblica e dire "basta alle aggressioni delle lavoratrici e dei lavoratori del comparto sicurezza"

"Una firma per difendere chi difende la tua sicurezza. Progetto di legge di iniziativa popolare". Da mercoledì anche a Forlì-Cesena partirà la campagna di raccolta firme promossa dal Siulp, per sensibilizzare l'opinione pubblica e dire "basta alle aggressioni delle lavoratrici e dei lavoratori del comparto sicurezza, difesa e soccorso pubblico, della scuola, della sanità e degli incaricati dei servizi pubblici essenziali e di pubblica utilità". Affermano dalla segreteria provinciale del sindacato: Giacché in ogni Paese democratico i cittadini misurano la capacità dello Stato di garantire la loro sicurezza proprio dalla velocità e concretezza nel garantire le Istituzioni e di chi le rappresenta, è necessario intervenire legislativamente per rafforzare su vari fronti la percezione di sicurezza dei cittadini, attraverso la salvaguardia e la difesa di chi, ogni giorno, rischia la propria vita per assicurare le Istituzioni e l'intera collettività".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il personale in servizio non si sente tutelato e per questa ragione invitiamo cittadine e cittadini, categorie di lavoratrici e lavoratori, l'intero comparto difesa, sicurezza e soccorso pubblico, nonché i medici, gli infermieri, gli insegnanti e tutti i lavoratori del trasporto pubblico e privato ad unirsi e sostenere la proposta di legge di iniziativa popolare del Siulp - viene aggiunto -. La deriva delle minacce, insulti ed aggressioni fisiche nei confronti dei servitori dello Stato può essere fermata solo attraverso l'introduzione di norme che colpiscono severamente e tempestivamente i responsabili. Ecco perchè già da domani le delegate ed i delegati del Siulp di Forlì-Cesena inizieranno una raccolta firme itinerante negli Uffici della Polizia di Stato, negli ospedali, nelle piazze ed in tutti i quartieri della Città, confidando nella pronta collaborazione di quanti condividano l'iniziativa che è volta a dare un tangibile segnale concreto che è arrivato il momento di rimboccarsi le maniche e chiedere a gran voce, al legislatore, l'introduzione di un reato specifico nei confronti di coloro che aggrediscono le lavoratrici ed i lavoratori del Comparto Sicurezza difesa e Soccorso Pubblico con pena certa ed immediata. Basta aggressioni alle “helping professions”". 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La tabaccheria ancora baciata dalla fortuna, nuovo terno al Lotto: "Forse una data di nascita"

  • Coronavirus, ecco il nuovo dpcm punto per punto: ristoranti chiusi alle 18. Stop per palestre, cinema e teatri

  • Da Forlì parte la ribellione delle palestre: "Se imporranno la chiusura, non chiuderemo"

  • Coronavirus, due insegnanti e tre studenti infettati: classe dell'asilo in quarantena

  • Meldola in lutto per la scomparsa di Stefanino, il sindaco: "Una figura speciale per tutti"

  • Coronavirus, contagi in aumento. Bonaccini non esclude una stretta sulle scuole

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento