Lunedì, 15 Luglio 2024
Cronaca Bertinoro

Bertinoro, è aperto il bando per le famiglie colpite dalla crisi

Anche quest'anno il Comune di Bertinoro mette in campo un aiuto rivolto alle famiglie residenti interessate dalla perdita del lavoro a causa della crisi economica

Anche quest'anno il Comune di Bertinoro mette in campo un aiuto rivolto alle famiglie residenti interessate dalla perdita del lavoro a causa della crisi economica. Già nel 2012 è emersa la volontà di permettere l’accesso al bando ai lavoratori subordinati ed allargarla ai liberi professionisti che abbiano dovuto chiudere la partita Iva, situazione verificabile tramite la Camera di Commercio. Quest'anno si è accolta la proposta di includere nel bando anche i lavoratori dipendenti, che si siano licenziati nel caso lo abbiano fatto a seguito del mancato pagamento da parte dell’azienda dello stipendio ed abbiano avviato tramite il sindacato la necessaria contestazione documentabile sia dal sindacato sia dal centro per l’impiego.

Si è ritenuto opportuno ammettere all’erogazione del contributo quelle persone che, rientrando in tutti i parametri generali, abbiano avuto brevi rapporti lavorativi quantificati in non più di 30 giornate nell’ultimo anno, andando tuttavia a ridurre il contributo concesso in funzione delle giornate di effettiva non attività.

Beneficiari e condizioni di ammissibilità - Possono accedere ai contributi i lavoratori residenti nel Comune di Bertinoro – con le modalità indicate successivamente - che, per effetto di crisi aziendali o di mercato sono stati interessati, a partire dal 1 luglio 2012, da provvedimenti documentati di licenziamento (salvo che “per giusta causa”) per cessazione o riduzione dell’attività lavorativa. Possono essere presi in considerazione anche licenziamenti del lavoratore motivati da mancato pagamento dello stipendio in presenza di avvio delle dovute procedure sindacali di contestazione e documentabili dal centro per l’impiego; sospensione e/o cassa integrazione ordinaria e straordinaria; riduzione dell’orario di lavoro superiore al 20%; collocamento nelle liste di mobilità, con o senza indennità di mobilità; mancato rinnovo del contratto a tempo determinato (a condizione che dalla data del mancato rinnovo abbiano cumulato almeno 1 anno di periodo lavorativo, anche non continuativo, nei due anni precedenti); sospensione dal lavoro in qualità di lavoratore dipendente di un’impresa artigiana o commerciale.

Possono accedere inoltre i collaboratori coordinati e continuativi in regime di monocommitenza e gli associati in partecipazione, per i quali sia stato interrotto il contratto a causa della crisi (a condizione che dalla data del mancato rinnovo abbiano cumulato almeno 1 anno di periodo lavorativo, anche non continuativo, nei due anni precedenti). Cancellazione dell’impresa dai Registri e dagli Albi della Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura competente e chiusura della partita IVA a partire dal 1 luglio 2012 e non titolare di una nuova iscrizione agli Albi o di un nuovo contratto di lavoro subordinato. Oltre alle condizioni di cui sopra bisogna essere in possesso dei seguenti requisiti: Essere proprietari delle sola abitazione principale o essere inquilini in regolare affitto; essere cittadini italiani o di un altro paese dell’Unione Europea e residenti nel Comune di Bertinoro; essere cittadini extracomunitari, residenti nel comune di Bertinoro in possesso di Carta di Soggiorno o di Permesso di soggiorno almeno annuale con validità almeno fino al 30 aprile. Rientrano anche i residenti in alloggi ERP.

ISEE - Al richiedente, verrà inoltre richiesta la certificazione ISEE aggiornata, utile, in particolare, per la verifica della situazione patrimoniale, e Dichiarazione Sostitutiva Unica riferita ai redditi 2013. La soglia massima di indicatore ISEE riferito all’anno 2013 è fissato in 20mila euro. (Alla luce dell’approvazione del Dpcm sul nuovo ISEE il Comune di riserva di apportare eventuali modifiche a questo parametro).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bertinoro, è aperto il bando per le famiglie colpite dalla crisi