Bertinoro e Santa Maria Nuova: semaforo verde per i mercati

L'amministrazione comunale di Bertinoro è riuscita a organizzare la riapertura in sicurezza dei due mercati settimanali: la domenica mattina a Bertinoro e il lunedì a Santa Maria Nuova Spallicci

Dopo una settimana di sospensione dovuta alle misure regionali anti-assembramento entrate in vigore il 14 novembre, l'amministrazione comunale di Bertinoro è riuscita a organizzare la riapertura in sicurezza dei due mercati settimanali: la domenica mattina a Bertinoro e il lunedì a Santa Maria Nuova Spallicci. "I due mercati del territorio sono appuntamenti fissi per i nostri cittadini e desideravamo riaprirli in sicurezza prima possibile - commenta l'assessore Federico Campori -. Va quindi un ringraziamento particolare ai servizi comunali delle Attività Economiche e dei Lavori pubblici per avere verificato celermente le condizioni per consentire una imminente riapertura.  Ci auguriamo ci sia di nuovo partecipazione ma soprattutto grande senso civico da parte di utenti e ambulanti".

Conclude il sindaco Gabriele Fratto: "I mercati riescono a ripartire anche in questa occasione, grazie alla consueta ed indispensabile collaborazione dei volontari di protezione civile dell'Associazione Il Molino, presieduta da Gilberto Zanetti, che in questi mesi hanno sempre lavorato a stretto contatto con l'Amministrazione. Sarà infatti loro compito occuparsi degli accessi e del controllo delle distanze previste dal nuovo piano di sicurezza per la gestione dei mercati".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pensioni dicembre: pagamento anticipato, il calendario per ritirarle alla Posta

  • Chiude supermercato in corso della Repubblica, ma non si spegne la vetrina e restano i servizi ai residenti

  • Dopo la morte del figlio, l'anziana titolare si ritira: la prima fabbrica di cioccolato della Romagna è in vendita

  • Violento schianto frontale sul rettilineo: grave una donna, soccorsa con l'elicottero

  • Porta loro da mangiare, viene aggredito dai cinghiali che aveva "adottato": trasportato d'urgenza al Bufalini

  • Lo storico marchio della piadina cambia di proprietà. La produzione resta a Forlì

Torna su
ForlìToday è in caricamento