menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bertinoro, nel palazzo comunale luce sui gioielli nascosti: dai lavori di restauro spuntano affreschi

Le operazioni, cominciate dalla Sala del consiglio, sono proseguite nella "sala dei quadri", così chiamata per la presenza di alcune tele raffiguranti la storia di Bertinoro, commissionate attorno alla metà del 1700 e tutt’oggi presenti

I lavori di restauro del palazzo comunale di Bertinoro fanno emergere quella che è senza dubbio una curiosa e interessante scoperta, sia per i cittadini del borgo che per tutti gli appassionati della storia locale. Le operazioni, cominciate dalla Sala del consiglio, sono proseguite nella "sala dei quadri", così chiamata per la presenza di alcune tele raffiguranti la storia di Bertinoro, commissionate attorno alla metà del 1700 e tutt’oggi presenti.

"Siamo andati, aldilà delle nicchie delle tele, a restaurare anche le pareti laterali - rivela Gabriele Antonio Fratto, presidente della provincia di Forlì-Cesena e sindaco di Bertinoro - e abbiamo scoperto che sotto ad alcuni strati ci sono affreschi interessanti. Questi sono sicuramente antecedenti al 1700, poiché le tele furono commissionate nel 1759”.

Adesso toccherà alla Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio di Ravenna il compito di fornire ulteriori dettagli relativi alla scoperta. "Siamo molto fiduciosi - continua Fratto - vedo che gli affreschi sono bene conservati, speriamo di poterli mettere in evidenza con il giusto rispetto. Probabilmente non riusciremo a recuperarli per intero, però potrebbero esserci delle sorprese dal punto di vista storico e culturale. Sono molto emozionato. Anche leggendo libri su Bertinoro sapevo dell’esistenza di affreschi in queste sale, ma vederli letteralmente affiorare è qualcosa di veramente emozionante”.

"E’ bello sapere di aver potuto tirar fuori un pezzo di storia in questa modalità - conclude il primo cittadino bertinorese - speriamo di poter avere ulteriori frammenti da scoprire, sicuramente quando incontreremo la Soprintendenza ci dirà come sarà meglio procedere".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento