Bertinoro, tragedia della Mecnavi: il sindaco rende omaggio alle cinque vittime

Bertinoro ha ricordato in forma privata i cinque caduti nella tragedia della Mecnavi avvenuta il 13 marzo del 1987 nel porto di Ravenna all'interno della stiva della "Elisabetta Montanari"

Bertinoro ha ricordato in forma privata i cinque caduti nella tragedia della Mecnavi avvenuta il 13 marzo del 1987 nel porto di Ravenna all'interno della stiva della "Elisabetta Montanari": Alessandro Centioni, Marco Gaudenzi, Domenico Lapolla, Onofrio Piegari e Antonio Sandovini.

Il sindaco Gabriele Fratto ha scritto un messaggio su Facebook: "Cari ragazzi, ci perdonerete per la più brutta cerimonia che vi sia stata dedicata dal 1987 ad oggi, so però che ci comprenderete e ci proteggerete. Proteggerete i lavoratori che in queste ore stanno combattendo negli Ospedali questo maledetto virus, proteggerete i vostri cari e tutti noi che affrontiamo ad ogni livello senza sosta questa situazione difficilissima che ci mette a dura prova".

"Per quanto male soffriremo una cosa è certa: ne usciremo e ripartiremo tutti insieme rinnovati - conclude -. D'altronde siamo italiani e siamo bertinoresi. Niente ci può abbattere né ora né mai: torneremo più ospitali e accoglienti di prima e vi ricorderemo come meritate". Hanno preso parte al raccoglimento l'agente della Polizia Locale di Bertinoro, Ermanno D'Angelo e Stefania Lanzoni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pensioni dicembre: pagamento anticipato, il calendario per ritirarle alla Posta

  • Chiude supermercato in corso della Repubblica, ma non si spegne la vetrina e restano i servizi ai residenti

  • Dopo la morte del figlio, l'anziana titolare si ritira: la prima fabbrica di cioccolato della Romagna è in vendita

  • Violento schianto frontale sul rettilineo: grave una donna, soccorsa con l'elicottero

  • Porta loro da mangiare, viene aggredito dai cinghiali che aveva "adottato": trasportato d'urgenza al Bufalini

  • Lo storico marchio della piadina cambia di proprietà. La produzione resta a Forlì

Torna su
ForlìToday è in caricamento