Bomba a mano residuato dalla Guerra abbandonata su un pozzo: intervento degli artificieri

E' stato gestito dagli artificieri, chiamati appositamente a Forlì, lo smaltimento di una bomba a mano, un residuato bellico trovato alcuni giorni fa

E' stato gestito dagli artificieri, chiamati appositamente a Forlì, lo smaltimento di una bomba a mano, un residuato bellico trovato alcuni giorni fa a Casemurate, nei presso della vecchia scuola in disuso della frazione. La bomba a mano, una classica di tipo “ananas”, era stata abbandonata da ignoti su un pozzo, nell'area che si trova nei pressi dell'intersezione tra via degli Spreti e via Cervese. La bomba è stata segnalata da alcuni addetti dell'Enel, l'area è stata quindi cinturata e messa in sicurezza in attesa dell'arrivo degli artificieri, che hanno rimosso l'ordigno e lo hanno fatto brillare in una cava della zona. 

Probabilmente la bomba a mano deve essere emersa durante alcuni scavi o lavorazioni agricole ed è stata incautamente toccata e trasportata, ed infine abbandonata. Si ricorda quindi che, per quanto residuati bellici, queste bombe possono conservare un certo potenziale esplosivo. Nel caso di ritrovamento, quindi, vanno subito segnalati alle forze dell'ordine che nel giro di pochi giorni sono in grado di intervenire con personale specializzato. Tali ordigni, invece, non vanno per nessun motivo spostati o abbandonati, ai fini della tutela dell'incolumità pubblica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sciagura in viale dell'Appennino: pedone muore travolto sulle strisce pedonali

  • L'annuncio di Bonaccini: "L'Emilia-Romagna torna "zona gialla" da domenica"

  • Muoiono in un incidente aereo quattro giorni dopo le nozze, lutto per un ex assessore

  • Meteo, dicembre debutterà col freddo e la neve: fiocchi in arrivo a bassa quota

  • Perde il controllo dell'auto e si ribalta: nuovo incidente sulla "Bidentina" - LE FOTO

  • Coronavirus, il bollettino domenicale: casi in calo, ma altri morti. Quattro classi in quarantena

Torna su
ForlìToday è in caricamento