rotate-mobile
Venerdì, 23 Febbraio 2024
Cronaca Forlimpopoli

Due anni di lavori e 15 milioni investiti all'ex Sfir: il primo villaggio della bicicletta in Italia è ormai pronto

Tutto questo, che rappresenta il primo villaggio in Italia interamente dedicato alla bici si trova, all’interno di un’area di 70.000 metri quadri ottenuta bonificando una ex area industriale

E' ormai completato l'intervento da oltre 15 milioni di euro che porterà alla nascita del "Brn Village", il primo villaggio sportivo interamente dedicato alla bicicletta. I lavori, ben visibili dalla tangenziale di Forlimpopoli, sono quasi giunti al termine e c'è già una data ufficiale per l'apertura al pubblico: domenica 4 giugno mattina.  In quel momento i cancelli del villaggio si apriranno per la prima volta alla cittadinanza e ai tanti ciclisti appassionati che fin dalla presentazione del Village – nel Giugno 2021 – hanno seguito con partecipazione e affetto tutti gli sviluppi del progetto.

Le attrazioni

"Un periodo di attesa durato quasi due anni, reso necessario da dinamiche che hanno portato non poche turbolenze nel settore dell’edilizia e delle costruzioni, durante il quale tuttavia le attrazioni del BRN Village si sono evolute ed arricchite, per offrire a tutti i biker che pedaleranno all’interno del Village sei differenti tracciati adatti ai ciclisti di tutte le età", viene spiegato in una nota. Si va dalla pista di educazione stradale alla Mini Pump Kids, dalle due Pumptrack Junior e Pro che con i loro 3.200 metri quadri di sviluppo complessivo costituiscono l’area pumptrack più grande d’Italia, alle linee di Dirt Jumps, fino ad arrivare al nuovissimo tracciato XC/MTB in fase di ultimazione proprio in questi giorni.

Il risparmi energetico

Il progetto che nel corso dei mesi è cresciuto anche dal punto di vista della sostenibilità ambientale: oltre alle 600 nuove piantumazioni e un percorso ciclopedonale di quasi 2 km lineari integrato e collegato alla rete ciclabile del comune di Forlimpopoli, il BRN Village è dotato di un impianto fotovoltaico da 200KW che soddisferà l’intero fabbisogno energetico dell’azienda e del parco, garantendo un risparmio di emissioni di CO2 in atmosfera superiore alle 87 tonnellate annue.

Il recupero dell'area dismessa

Tutto questo, che rappresenta il primo villaggio in Italia interamente dedicato alla bici si trova, all’interno di un’area di 70.000 metri quadri ottenuta bonificando una ex area industriale  abbandonata da oltre 20 anni - quella dello zuccherificio forlimpopolese Sfir - che sarà riconsegnata alla comunità con un grande progetto di rigenerazione urbana in cui celebrare la sostenibilità, mobilità dolce, sport e stili di vita salutari.

Lo storico zuccherificio Sfir è un emblema di Forlimpopoli, un impianto che dava lavoro fisso e stagionale a centinaia di giovani del territorio, installato sul territorio negli anni ’60 e chiuso all’inizio degli anni 2000. Questo simbolo di una Romagna industriale del Dopoguerra da vent'anni era divenuto luogo di incuria, degrado e abbandono, un'area ormai considerata scarsamente recuperabile, viste le sue grandi dimensioni. Oggi invece torna riconsegnata alla città con un progetto che proietta Forlimpopoli nel 21° secolo, una riqualificazione integrata con il territorio che coniuga economia, ambiente, tempo libero, sport e benessere.

VIDEO - Cassani: "Abbiamo bisogno di bike park come questi"

Il progetto del “villaggio”

“Brn” è un'azienda che si occupa della distribuzione di componenti e accessori per la bici, con oltre 2.500 punti vendita nel Paese e oltre 500 in Europa ed ha scelto di investire sul territorio costruendo la sua nuova sede operativa, per un totale di 15.500 metri quadri fra area logistica e direzionale in cui l’azienda trasferirà tutti i suoi magazzini, i suoi uffici e gli oltre 60 dipendenti attualmente impegnati. La nuova sede sarà una delle strutture che caratterizzeranno il Brn Village.

Brn Village: le immagini del progetto

A pochi passi dai tracciati è in fase di completamento inoltre un Bike Café di 560 metri quadri con 100 posti a sedere al coperto e 100 esterni, che erogherà esclusivamente alimenti e bevande per la salute e per lo sport, 100% biologiche e legate al territorio. Un luogo in cui celebrare l’alimentazione sana e stili di vita salutari, in cui saranno disponibili anche integratori per lo sport e alimenti per la salute prodotti da 'Buon Food', ramo aziendale di BRN attivo in ambito dell'alimentazione sportiva. Nel cuore del parco infine troverà spazio la “Piazza del Ciclista”, un’area parzialmente coperta in cui saranno installate tre differenti Bike Station, dotate dei principali strumenti e attrezzi per la cura e la riparazione della bici, abbinate a nove punti di ricarica universale per le batterie delle e-bike. Altra importante attrazione della Piazza del Ciclista, la “casetta dell’acqua funzionale”, in cui tutti i ciclisti avranno la possibilità di riempire la propria borraccia scegliendo fra un’acqua alcalina, un’acqua idrogenata e un’acqua mineralizzata, soluzioni ottimali per migliorare la loro idratazione e le loro performance.

Il ciclismo acrobatico

Il progetto è stato anche implementato in corso d'opera. Sulla scorta di una richiesta espressa da un gruppo di giovani, sui social, con un simpatico cartello appeso sul cancello del cantiere e una serie di instagram stories, è stata aggiunta la realizzazione di un ulteriore pista esclusivamente dedicata alla Bmx e agli appassionati di Mtb Dirt. Il Dirt è una disciplina di ciclismo acrobatico nata negli Usa alla fine dello scorso millennio, che prevede la realizzazione di salti con Mountain Bike attraverso trampolini e rampe paraboliche. Estremamente affine al Bmx Freestyle Park, che da Tokyo 2020 è divenuto disciplina Olimpica, il Dirt è in rapida diffusione fra i più giovani di tutto il mondo in un numero crescente di paesi, compresa ovviamente l’Italia. 

L'investimento 

Un’opera fortemente legata al territorio, dove la maggior parte delle aziende coinvolte nella realizzazione del progetto sono locali, così da rendere il Brn Village un vero e proprio “Parco a KM0” anche dal punto di vista realizzativo. Una sfida importante per Brn, per un investimento complessivo che supera i 15 milioni di euro. “Siamo felici e orgogliosi di questo progetto, speriamo che contribuisca a diffndere e rafforzare la cultura del ciclismo, della mobilità sostenibile e del benessere nel nostro paese”, aveva spiegato nel presentare il progetto Gianluca Bernardi, amministratore delegato di 'BRN Bike Parts'. “Con il Brn Village abbiamo cercato di costruire uno spazio nel quale far coesistere mobilità sostenibile e alimentazione salutare. Questi due elementi rappresentano a pieno la filosofia della nostra azienda”. 

L'azienda

L'azienda Brn è stata fondata a Forlimpopoli negli anni ‘40, l’azienda ha saputo costruire negli anni una fitta rete di punti vendita in costante crescita, con oltre 2.500 rivenditori distribuiti su tutto il territorio nazionale e oltre 500 punti vendita in tutta Europa. Dai suoi esordi, grazie alla visione imprenditoriale della famiglia Bernardi,  ha continuato a crescere ed evolversi, arrivando oggi ad essere capitanata dalla terza generazione: Marco e Gianluca Bernardi sono i nipoti del fondatore. Da Forlimpopoli oggi ha creato un network internazionale di collaborazioni, in continua espansione, con i più importanti marchi del mondo dei ricambi per ciclo, con un catalogo di oltre 8000 accessori per la bici.

Le principali notizie del 3 marzo

L'INCENDIO - Problemi economici alla Ca de Bè dopo l'incendio

CONTRO DENUNCIA - Il caso del mitra nell'armadio della Banca d'Italia

FURTI NEI CANTIERI - Rintracciato dopo mesi ed espulso

LO SCIOPERO DEL CLIMA - Il video della manifestazione

L'AFFONDO - Confcommercio sferza la Camera di Commercio

COVID - Tutti i numeri della settimana

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Due anni di lavori e 15 milioni investiti all'ex Sfir: il primo villaggio della bicicletta in Italia è ormai pronto

ForlìToday è in caricamento