Bufera nel Consiglio dell'Unione, salta l'approvazione del Rendiconto

Viene a mancare il numero legale nel Consiglio dell'Unione dei Comuni e salta l'approvazione del rendiconto di bilancio, che doveva essere licenziato entro il 25 maggio

Viene a mancare il numero legale nel Consiglio dell'Unione dei Comuni e salta l'approvazione del rendiconto di bilancio, che doveva essere licenziato entro il 25 maggio. Inoltre si spacca la giunta dell'Unione. A segnalare le tensioni politiche all'interno dell'organo dell'Unione sono i consiglieri di minoranza Daniele Avolio (Lega Nord), Davide Minutillo (Fratelli d’Italia) e Savio Barzanti (Noi Romagnoli).

Spiega una nota dei tre consiglieri: “È stato un Consiglio dell’Unione infuocato quello che prevedeva al primo punto dell’ordine del giorno l’approvazione del Rendiconto di Gestione 2017 dell’Ente.  Ad accendere la miccia del dibattito consiliare è stato un membro della Giunta, ovvero il Sindaco di Modigliana, Valerio Roccalbegni (in quota centro-destra, ndr) che ha sollevato “forti perplessità sulla natura del residuo attivo di nove milioni di euro, derivante dalle sanzioni elevate dalla Polizia Municipale dell’Unione non ancora incassate ma già iscritte a bilancio”, appoggiato in questa tesi dal Sindaco di Rocca San Casciano, Rosaria Tassinari”.

“Per noi consiglieri di centro destra, l’iscrizione a bilancio, tra i residui attivi, di questi nove milioni, è un vero e proprio vizio di illegittimità. Inoltre gli eventuali soldi incassati al termine delle procedure di recupero non saranno suddivisi tra tutti i Comuni dell’Unione, bensì solo tra i Comuni che hanno creato il debito (Comune di Forlì, Comune di Forlimpopoli e Comune di Bertinoro) andando ad incidere negativamente per la seconda volta nelle casse di tutti i Comuni dell’Unione, prima caricando le passività e successivamente nella distribuzione dell’attivo, creando di fatto una situazione sperequativa”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ed ancora la nota: “Non è servito neppure l’assist del Presidente dell’Unione Giorgio Frassineti e del Sindaco di Forlì , Davide Drei, che hanno suggerito di ritirare la delibera per ridefinirne i contenuti e sanare l’illegittimità della stessa. Dopo una tiepida marcia indietro, la maggioranza si è dimostrata irresponsabile e ha incalzato il Consiglio  per procedere con la votazione dopo essersi riunita in separata sede chiedendo una temporanea sospensione. Non potevamo assecondare una delibera viziata da illegittimità amministrativa e per questo motivo siamo usciti dall’aula, insieme ai Sindaci Valerio Roccalbegni , Rosaria Tassinari, Maddalena Maglioni - Consigliere Comunale di maggioranza a Meldola, Fleana Campitelli, Consigliera Comunale di Santa Sofia e Davide Liverani, Consigliere Comunale di Tredozio, lasciando la responsabilità  dell’approvazione del rendiconto di gestione alla maggioranza, ma soprattutto facendo mancare il numero legale”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incendio nella zona industriale, un nuvolone nero altissimo preoccupa i forlivesi

  • La vita ai tempi del Coronavirus - Una dipendente di un market spiega tutti i comportamenti sbagliati dei clienti

  • Il coronavirus continua ad uccidere nel Forlivese. Quasi mille contagiati in provincia

  • Coronavirus, martedì drammatico: dieci morti in provincia in 24 ore, 5 a Forlì

  • Coronavirus, nuova impennata di casi in provincia: +95 in 24 ore. E Forlì registra un'altra vittima

  • Coronavirus, superati i mille contagiati in provincia: altri due decessi nel Forlivese. Crescono i guariti

Torna su
ForlìToday è in caricamento