menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

C'è anche l'Ausl di Forlì nella Monografia GIRCG sul campo gastrico

Anche i professionisti dell’ospedale “Morgagni-Pierantoni” di Forlì fra gli autori dell’importante monografia “Surgery in the Multimodal Management of Gastric Cancer” pubblicata dal Gircg

Anche i professionisti dell’ospedale “Morgagni-Pierantoni” di Forlì fra gli autori dell’importante monografia “Surgery in the Multimodal Management of Gastric Cancer” pubblicata dal Gircg (Gruppo Italiano di Ricerca per il Cancro Gastrico) col contributo dei massimi esperti nel settore. A essere coinvolti sono stati il dott. Paolo Morgagni e il dott. Giuliano La Barba, dell’U.O di Chirurgia generale Gem, diretta dal dott. Domenico Garcea, il dott. Luca Saragoni, dell’U.O. di Anatomia Patologica, diretta dal dott. Luigi Serra, e il dott. Alessandro Casadei dell’U.O. di Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva, diretta dal prof. Enrico Ricci, i quali hanno curato due capitoli  riguardanti  rispettivamente le neoplasie precoci (Early Gastric Cancer) e il trattamento chirurgico non radicale con trance infiltrate.

L’Azienda Usl di Forlì rappresenta, d’altronde, nel campo del cancro gastrico, un punto di riferimento, grazie anche alla fattiva collaborazione con i maggiori esperti mondiali in tale ambito, quali i colleghi giapponesi e coreani. Caratteristica peculiare dell’Azienda forlivese è l’approccio multidisciplinare, in grado garantire nel tempo lo standard di trattamento e i buoni risultati oggi raggiunti, con tempestività della diagnosi e ricerca dell’iter di cura più adeguato per ogni singolo caso.

I progressi compiuti in questo campo si spiegano anche con l’elevata incidenza del cancro gastrico nella nostra provincia. Negli ultimi anni, quest’ultima è apparsa in calo, tant’è che gli epidemiologi considerano il cancro gastrico come una malattia con tasso di crescita rallentato o in diminuzione, tuttavia, a fronte della ridotta incidenza, si è assistito a un aumento dei tipi istologici più aggressivi e degli stadi  più avanzati, ragion per cui è bene non abbassare la guardia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento