C'è la firma, Drei incontra il premier Gentiloni: ecco i fondi per rendere Forlì più bella

Per l'amministrazione comunale saranno messi a disposizione 8,3 milioni di euro, somma che servirà a co-finanziare 12 progetti strategici per la città

Il sindaco Davide Drei, alla presenza del presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, ha firmato lunedì a Roma la convenzione per il Bando periferie degradate​. "E' fatta - esclama il primo cittadino -. Si tratta del più cospicuo investimento in rigenerazione urbana nella storia del nostro Paese. E' un grande risultato per la nostra città, frutto un bel lavoro di squadra". Per l'amministrazione comunale saranno messi a disposizione 8,3 milioni di euro, somma che servirà a co-finanziare 12 progetti strategici per la città, liberando anche somme impegnate dal Comune e altri enti, che potranno così spalmarli su altri progetti e provvedimenti. Fondi, ha concluso Drei, "che contribuiranno a rigenerare la nostra città e ad avviare opere per rifunzionalizzare e rendere più bella la nostra Forlì".

I progetti prevedono un finanziamento di 16 milioni e 45mila euro, di cui 8,3 milioni del bando statale, 880mila euro di fondi del Comune di Forlì ed infine 6,9 milioni circa di cofinanziamento di altri enti e soggetti privati. Gli interventi più grossi sono per 9 milioni di euro il completamento del campus universitario coi padiglioni Sauli e Saffi (3,8 milioni del bando, 2,5 milioni dell'Università, 2,5 milioni della Fondazione Carisp e 200mila euro del Comune), segue il secondo stralcio funzionale dell'hub turistico culturale dell'ex Asilo Santarelli (dove verrà portata la Biblioteca Moderna) per 2,15 milioni (1,72 milioni del bando, 430mila euro del Comune).

Un milione di euro sarà impiegato per i 'Giardini dei musei', con la parziale demolizione del parcheggio di Piazza Montefeltro (300mila euro del bando, 500mila euro della Fondazione, 200mila euro del Ministero dei Beni culturali); un altro milione di euro va alla riqualificazione dell'illuminazione in centro: circa 1.500 punti luce saranno convertiti al led. Ci sono poi due progetti per un totale di 900mila euro per il Foro Boario, con un progetto già presentato (150mila euro del Comune, il resto del bando); 450mila euro per la correzione acustica del San Giacomo, trasformandolo così in un auditorium (50mila euro del bando, 400mila euro della Fondazione Carisp).

400mila euro saranno impiegati per il Palazzo del Merenda, il recupero delle sale storiche della Biblioteca Comunale ora inagibili (350mila euro del bando e 50mila euro del Comune); 400mila euro per il piazzale di Porta Schiavonia e l'illuminazione della porta (70mila euro del comune, 210mila euro dei fondi del 'Punta di Ferro', 120mila euro della Regione); 300mila euro per riqualificare via Giorgina Saffi, via Caterina Sforza e via Voghieri (97mila euro del Comune, 202mila euro dei fondi del 'Punta di Ferro'); 265mila euro per riqualificare via dei Filergiti e Gaudenzi, il primo progetto che partirà (65mila euro del Comune e 200mila euro dei fondi 'Punta di Ferro'), ed infine 180mila euro per piccole migliorie e pulizie sempre in centro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I suoi nudi artistici fanno il giro del mondo, ma lei ha scelto Forlì: "La Romagna mi ha adottata"

  • Sciagura sui binari, morto un giovane travolto da un treno: traffico paralizzato per ore

  • Le rubano una bici elettrica, coppia finisce nel mirino della Polizia

  • Rapinatore armato dal dentista: arraffa l'anestetico, chiede scusa e lascia pure il "pagamento"

  • Pizza napoletana per la ricerca contro il Coronavirus: "Divieto ai cinesi? Chiedo scusa"

  • Forlimpopoli, brucia il tetto di un'abitazione: vigile del fuoco resta ferito in una caduta

Torna su
ForlìToday è in caricamento