Domenica, 21 Luglio 2024
Cronaca Forlimpopoli

Cala il sipario sulla Festa Artusiana: in programma premiazioni, show cooking e degustazioni

Domenica 2 luglio a Forlimpopoli ultimo atto della kermesse dedicata a Pellegrino Artusi. In programma la premiazione dei nocini casalinghi

Premiazioni dei migliori nocini casalinghi in Emilia-Romagna, la tradizione dello Squacquerone di Romagna, show cooking con due illustri firme della cucina, degustazioni guidate sull’antica Roma, teatro per ragazzi e animazione dei buskers nelle vie e nelle piazze. E soprattutto le tante proposte del cibo per un viaggio nei sapori proposti da una settantina di produttori del tipico tra ristoratori, associazioni e area mercato.

Domenica 2 luglio cala il sipario alla Festa Artusiana, in una giornata che si apre alle 18.00 nella Corte di Casa Artusi con il concorso di Ais Romagna che premia i migliori nocini di produzione casalinga in Emilia-Romagna, in collaborazione con Casa Artusi, Comune di Forlimpopoli e l’Istituto Alberghiero “Pellegrino Artusi” di Forlimpopoli. Una giuria composta da sommelier Ais ed esperti degustatori di nocino, valuta i cinque campioni finalisti, per poi decretare i Premi Noce d’oro, d’argento e di bronzo. Seguirà una degustazione di ricette con ingrediente nocino a cura dell’Istituto Alberghiero “Pellegrino Artusi” di Forlimpopoli.

Proseguono le degustazioni della cucina dell’antica Roma, alle 18.45, al Museo Archeologico “T. Aldini” a cura di ArkeoGustus e Atlantide. A seguire, alle 21, la visita guidata al Museo Archeologico, alla scoperta dei cibi e dei modi di vivere la convivialità dalla Preistoria al Rinascimento, partendo dalle numerose anfore romane dal caratteristico fondo piatto, che proprio dalla città romana di Forum Popili hanno preso il nome e che furono largamente diffuse nei primi secoli dell’impero romano per i trasporti su distanze brevi di vino, olio e cereali. La visita ha una durata di un’ora circa, ingresso 5 euro.

Alle 20.00 in Piazza Fratti appuntamento con lo Show-cooking con Matteo Salbaroli de L’acciuga Osteria di Ravenna insieme ad Omar Casali di Marè, Cesenatico. L’evento è a cura dell’associazione CheftoChef EmiliaRomagnaCuochi.

A seguire, sempre in piazza Fratti, incontro su Le liliacee vanno al mare, con la partecipazione di Roberto Casali di Ecopesce, Lea Gardi in rappresentanza de ‘Il lavoro dei contadini’, Stefano Silvi di Nerofermento e Gabriele Bazzocchi, medico gastroenterologo.

L’ultimo giorno di festa è anche l’occasione per visitare le tante mostre dedicate alla storia artistico-culturale della città e alla riflessione sulla cultura gastronomica. Il Museo Archeologico Nazionale “T.Aldini” ospita Fiori neri, di Enrico Garoia, una retrospettiva dedicata all’artista forlimpopolese promotore, tra l’altro, dell’originale spazio creativo “Garo” che animò la città a partire dal 2011. La Sala espositiva di Piazza Fratti vede Il Sapere delle Mani, promossa dal Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, mentre la Galleria “A casa di Paola” ospita la collettiva Pesci fuor d’acqua, … tra miracoli, storie, facezie … e peccati di gola. Il voltone della Farmacia Fabbri (piazza Garibaldi) ed i piedi del Torrione della Rocca Ordelaffa (angolo con piazza Pompilio) vedono l’antologica Amici dell’Arte in mostra, a cura dell’Associazione Amici dell’Arte di Forlimpopoli. Infine, tutte le sere della Festa sarà aperta al pubblico la Casa Museo dello scultore Mario Bertozzi, in via Massi (visita su prenotazione: tel. 335.6214622). 

Ultimo, ma non meno importante, gli spettacoli con il teatro per ragazzi alle 20.45 nel Fossato della Rocca che propone Crazy Animals con “Katastrofa clown”, varietà comico con pupazzi e marionette a filo. Tutta la serata inoltre sarà animata nelle vie e nelle piazze dai buskers Katastrofa Clown con “Katastrofa show” e da La Valigia di Cartone con “Cantastorie in bicicletta”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cala il sipario sulla Festa Artusiana: in programma premiazioni, show cooking e degustazioni
ForlìToday è in caricamento