menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Caldo oltre i 40 gradi nel capannone dell'Electrolux, sciopero dei lavoratori

Sciopero improvviso all'Electrolux di Forlì. La colpa è per il caldo torrido, che ha portato la temperatura all'interno del capannone sopra i 40 gradi. Una situazione ritenuta insopportabile dalla Rsu che ha proclamato l'agitazione

Sciopero improvviso all'Electrolux di Forlì. La colpa è per il caldo torrido, che ha portato la temperatura all'interno del capannone sopra i 40 gradi. Una situazione ritenuta insopportabile dalla Rsu che ha proclamato l'agitazione, unitariamente. Lo sciopero, che ha avuto un adesione del 95% secondo i sindacati è stato proclamato dopo che il direttore dello stabilimento avrebbe rifiutato un incontro al sindacato utile a dare risposte in merito alla condizione problematica creatasi per le temperature insopportabili.


"Le temperature elevate e l'umidita' rendono insopportabili le condizioni di lavoro gia' pensantissime imposte ai lavoratori - spiega Cinzia Colaprico, della Rsu -. L'insensibilita' alle condizioni degli operai, da parte della dirigenza aziendale, che se ne sta al fresco dei condizionatori, e' vergognosa e contraria a qualsiasi etica. Stante l'ondata di calore e' necessario ridurre l'orario di lavoro, limitare i ritmi forzati di lavoro e fare più pause per favorire il recupero psicofisico e la tutela dei lavoratori; in prospettiva vanno fatti investimenti per adeguare i capannoni al mutato clima. In tutti i casi sorprende anche il silenzio dell'Ausl su quanto accade con questo caldo nei luoghi di lavoro con condizioni inadeguate".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento