Martedì, 16 Luglio 2024
Rotary

Cambio al vertice al Rotary Club Forlì: il nuovo presidente è Giuseppe De Marinis

È professore a contratto in International Commercial Law (Università di Modena e Reggio Emilia), presidente e amministratore unico di Commercio estero Srl e socio e vicepresidente di Commercio estero Network

Giuseppe De Marinis è il nuovo presidente del Rotary Club Forlì per l’annata 2024-2025. È succeduto a Paola Battaglia nella cerimonia del passaggio delle consegne durante la conviviale riservata a soci, consorti, familiari, ospiti e autorità rotariane al Mare Pineta Resort di Milano Marittima, dove sono stati accolti dal socio rotariano Davide Salaroli. De Marinis, giurista internazionalista, iscritto all'ordine professionale nazionale degli spedizionieri doganali-doganalisti, è specializzato in Diritto del Commercio Internazionale, doganale, dei trasporti internazionali e in diritto e contenzioso tributario in ambito doganale.

È professore a contratto in International Commercial Law (Università di Modena e Reggio Emilia), presidente e amministratore unico di Commercio estero Srl e socio e vicepresidente di Commercio estero Network. È anche consigliere del Consiglio di Amministrazione di Livia Tellus Romagna Holding Spa ed è senior partner dello Studio associato Tupponi, De Marinis, Russo & Partners. "Con entusiasmo, pragmatismo ed una necessaria dose di umiltà, mi accingo a prendere il testimone da Paola, che ringrazio per quanto fatto, per continuare a concretizzare quel principio che 112 anni fa Paul Harris insieme ai suoi tre amici affermò, dichiarando che “il Rotary è servizio al di sopra di ogni interesse personale”", le parole di De Marinis nel ringraziare la presidente uscente e il Consiglio direttivo per il servizio svolto durante l’annata appena conclusasi.

Durante la serata sono stati anche ricordati i principali service realizzati e quelli in programma, in particolare il District Grant che verrà sviluppato nella nuova annata dal titolo “Il valore imprescindibile di carta e penna”, che coinvolgerà 4 istituti scolastici, dall’infanzia alle superiori, con circa 250 studenti, diversi docenti, esperti di livello nazionale e locale in tema di lettura e scrittura, oltre ai soci rotariani. Il neopresidente ha ricordato anche il progetto internazionale “Africa nello Stato del Mozambico”, in collaborazione con l’Ong Medici con l’Africa Cuamm, iniziato dalla Battaglia nella sua annata, con il socio dott. Salvatore Ricca Rosellini e la Commissione preposta, e che vedrà coinvolti i Rotary Club del Distretto 2072 e le associazioni di volontariato del territorio. Verrà inoltre data continuità ad altri progetti ad impatto locale fra cui il service Caritas, l’orientamento giovani e le borse di studio. "Progetti - ha precisato De Marinis - che sono in linea con le aree di intervento del Rotary International".

Alla cerimonia del passaggio delle consegne, il 18 giugno, erano presenti, fra gli altri, l’assistente del Governatore, Gianluca Ginestri, il Past Governor Adriano Maestri, presidenti e soci di vari Rotary Club del territorio, i giovani del Rotaract con Giulio Orioli, presidente 2023-2024, e Livia Castelluzzo, designata per il 2024-2025. Il neopresidente ha poi annunciato il nuovo motto dell’annata, “La magia del Rotary”, spiegando che il Presidente internazionale eletto, Stephanie Urchick, lo ha scelto perché "i soci creano questa magia con ogni progetto completato, ogni dollaro donato e ogni nuovo socio del Rotary".

De Marinis ha infine presentato il Consiglio Direttivo che lo affiancherà nel servizio e di cui fanno parte, insieme allo stesso presidente, Andrea Cimatti (Vicepresidente), Daniela Garoia (Tesoriere), Luca Montali (Segretario), Flavia Battaglia, Marco Camprini, Iacopo Sampieri, Igor Imbroglini (Presidente Incoming), Paola Battaglia (Past President), oltre a Claudio Cancellieri (Istruttore), Marco Buttaro (Prefetto), Anna Montefinese (Coordinatrice Consorti). "Ringrazio - ha aggiunto De Marinis - tutti coloro che hanno accettato di ricoprire ruoli di servizio, nonché tutti voi soci che, sono certo, mi aiuterete a gestire tra vita professionale e vita familiare quest’ anno che verrà. Ringrazio sin d’ora mia moglie Anna, che guiderà il Gruppo Consorti, e la nostra Ludovica. “La tradizione è custodire il fuoco, non adorare le ceneri”, diceva Gustav Mahler, ciò vale anche per il Rotary, e cito anche Seneca che nella “Brevità della vita” ricorda che “in realtà non è che di tempo ne abbiamo poco, ne sprechiamo tanto, e la vita che ci è data è lunga a sufficienza per compiere grandi imprese”".

Nel corso della serata, inoltre, sono stati conferiti riconoscimenti rotariani “Paul Harris” e altri attestati di merito a soci che si sono distinti nell’annata per il servizio svolto. La Presidente uscente Battaglia ha ricordato l’attività svolta nel 2023-2024, ringraziato il Consiglio Direttivo, i Presidenti di Commissione e Sottocommissione, tutti i soci, e ha detto: «L’anno trascorso è stato ricco di emozioni, di esperienze e di service nell’indirizzo rotariano di creare speranza nel mondo». Ha poi ricordato i progetti svolti, fra cui quelli sulla musicoterapia, l’intervento sanitario in Mozambico, il premio letterario “Daniela Bergossi” per gli studenti, quello “Fernando Battaglia” per i giovani cantanti lirici e l’attestato di merito con lode conferito al Rotary Club Forlì dal Governatore del Distretto 2072, Fiorella Sgallari, per gli importanti obiettivi raggiunti nell’annata. De Marinis presenterà i progetti e l’organigramma 2024-2025 durante la conviviale riservata ai soci che si svolgerà martedì 2 luglio alla Rosa Bianca di Dovadola.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cambio al vertice al Rotary Club Forlì: il nuovo presidente è Giuseppe De Marinis
ForlìToday è in caricamento