Aperta la camera ardente in municipio per porre l'ultimo saluto a Dino Amadori

E' rientrata in Italia la salma del professor Dino Amadori, il direttore scientifico emerito dell'Irst Irccs e presidente dell’Istituto Oncologico Romagnolo

E' rientrata in Italia la salma del professor Dino Amadori, il direttore scientifico emerito dell'Irst Irccs e presidente dell’Istituto Oncologico Romagnolo  scomparso domenica 23 febbraio  all'età di 83 anni a seguito di un improvviso malore mentre si trovava all'estero ed è stata regolarmente aperta la camera ardente allestita in Municipio a Forlì, nel Salone Comunale (ingresso Piazza Saffi n.8). Per coloro che desiderano portare un attestato di stima e affetto al professor Amadori è possibile accedere sabato fino alle 18, domenica dalle ore 9 alle 18, lunedì dalle ore 9 alle 13. In tanto hanno voluto dare il loro personale ultimo saluto al notissimo medico, uno dei pilastri dell'oncologia in Romagna.

VIDEO - Camera ardente in Comune per Dino Amadori

L'accesso avviene nel massimo rispetto di quanto previsto dai provvedimenti in materia contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da coronavirus, organizzando gli ingressi fin dall'esterno del Municipio e cioè dall'atrio principale di Piazza Saffi. La cerimonia funebre avrà luogo alle 15 in Duomo e, in conformità con la normativa in vigore, sarà di carattere strettamente familiare.  Per raggiungere la cattedrale verrà composto un corteo funebre al seguito del feretro, con partenza alle 14.30 da piazza Saffi. All'esterno del Duomo verrà predisposto un servizio di amplificazione per consentire una maggiore partecipazione alla cerimonia religiosa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pensioni dicembre: pagamento anticipato, il calendario per ritirarle alla Posta

  • Chiude supermercato in corso della Repubblica, ma non si spegne la vetrina e restano i servizi ai residenti

  • Dopo la morte del figlio, l'anziana titolare si ritira: la prima fabbrica di cioccolato della Romagna è in vendita

  • Violento schianto frontale sul rettilineo: grave una donna, soccorsa con l'elicottero

  • La rabbia del titolare del ristorante: "Lo Stato mi nega il ristoro, io riapro"

  • Lo storico marchio della piadina cambia di proprietà. La produzione resta a Forlì

Torna su
ForlìToday è in caricamento