rotate-mobile
Lunedì, 28 Novembre 2022
Lavori Pubblici

Ex Gil, al via i lavori di ristrutturazione: "L'Auditorium Conad diventerà un unicum nel panorama nazionale"

"Il restauro dell’Ex Gil si farà e grazie al sostegno di Cia-Conad Forlì avrà la sua nuova casa della musica, che prenderà il nome di “Auditorium Conad – Città di Forlì”", icorda l'assessore alla Cultura, Valerio Melandri

Sono partiti i lavori di ristrutturazione dell’Ex Gil. Il progetto prevede la realizzazione di un Auditorium da 420 posti, dotato di moderne strumentazioni domotiche, indici di acustica altamente performanti e tecnologia massmediatica all’avanguardia. "Questo è forse il cantiere di Forlì che più mi sta a cuore - esordisce il sindaco Gian Luca Zattini -, perché qui sorgerà un luogo unico vocato alla musica e allo spettacolo, all’intrattenimento e alla cultura. Uno spazio mai edificato prima, dove i veri protagonisti saranno le persone che ne occuperanno i posti in platea e i grandi artisti provenienti da tutto il mondo che ne solcheranno il palcoscenico".

"Il restauro dell’Ex Gil si farà e grazie al sostegno di Cia-Conad Forlì avrà la sua nuova casa della musica, che prenderà il nome di “Auditorium Conad – Città di Forlì” - ricorda l'assessore alla Cultura, Valerio Melandri -.L’azienda bolognese ha infatti deciso di condividere e supportare il progetto con una donazione di due milioni di euro, un vero e proprio record per quanto riguarda Forlì e l’Art Bonus.  È la prima volta in Italia che un’azienda privata sostiene la ristrutturazione di un edificio culturale attraverso questo strumento con un impegno economico così importante e continuativo nel tempo.  Questa è infatti la più grande erogazione liberale mai vista per quanto riguarda gli interventi di tipologia C (Realizzazione, restauro e potenziamento di strutture di enti e istituzioni pubbliche dello spettacolo) e la seconda in termini di finanziamento complessivo all’interno di Art Bonus".

"Cia-Conad diventerà così un partner pubblico che darà sostenibilità alle attività musicali dell’Auditorium, a beneficio di tutta la cittadinanza e non solo - prosegue Melandri -. La collaborazione tra settore pubblico e settore privato per lo sviluppo del settore culturale della città è uno dei pilastri della visione di questa amministrazione.  Lo abbiamo detto diverse volte, e ora lo vediamo concretizzato nel migliore dei modi.  Attraverso questa partnership tra il Comune e l’azienda, andremo a ristrutturare un contenitore culturale che manca alla città da settant’anni.  Successivamente, sempre cooperando con le realtà territoriali, riempiremo l’Auditorium di grande musica internazionale da donare alla cittadinanza.  Costruire nuove opportunità culturali non è mai semplice: partner come Cia-Conad rendono possibili queste imprese, e l’Amministrazione è sinceramente grata per tutto questo.  Questo grande risultato dimostra quanto la capacità di raccolta fondi sia importante tra gli amministratori pubblici: se gestiti bene, progetti come l’Art Bonus portano un grande beneficio a tutta la comunità". 

La collaborazione, già presentata agli organi di informazione, si concretizza con un investimento da parte di Cia-Conad pari a 2 milioni di euro, spalmati su 20 anni. Per i primi dieci anni, i finanziamenti saranno di 160mila euro all’anno, mentre nei restanti dieci l’importo sarà di 40 000 euro annuali. Nei primi due anni i fondi serviranno per coprire gli aumenti sulle spese di ristrutturazione dell’immobile mentre, successivamente, andranno supportare le attività musicali ed artistiche dell’Auditorium. "Nessuna impresa del territorio aveva mai preso un impegno simile in campo culturale con una tale lungimiranza - esclama Melandri -. Con l’Auditorium, Ciao-Conad dimostra di voler contribuire allo sviluppo e all’avanzamento culturale di Forlì e di voler garantire una sostenibilità e una continuità nel tempo senza precedenti".

L'impegno sociale di Conad

Melandri ricorda come "l'impegno sociale di Conad nel terzo settore non è cosa nuova, e la storia di Commercianti Indipendenti Associati nasce proprio a Forlì nel 1959.  Il rapporto con la città è forte: è qui che si trovano la sede, diversi magazzini e quello che sarà il centro direzionale dell’area di competenza della cooperativa.  Oltre a progetti come “Insieme per la scuola” e “Scrittori di Classe” a sostegno della scuola, Conad ha deciso di consolidare la sua natura di movimento cooperativo dando vita alla Fondazione Conad Ets.  Grazie ad iniziative di questo tipo, lo slogan “Persone oltre le cose” prende vita e si concretizza, restituendo alla cittadinanza forlivese un luogo di crescita culturale ed artistica atteso da tanto, troppo tempo". 

“La cultura e la musica sono il nutrimento dello stare insieme - afferma il presidente di Cia-Conad Maurizio Pelliconi - una base su cui far crescere un futuro in cui potersi riconoscere. Come società attenta alle istanze della Responsabilità Sociale d’Impresa, Conad condivide infatti lo scopo di promuovere la diffusione della cultura e dello spettacolo dal vivo. Attraverso questa partnership, Conad supporterà il Comune di Forlì nell’attività di promozione e valorizzazione del Complesso Ex Gil e del nuovo Auditorium Conad.  In cambio di questi due milioni di euro, Conad otterrà un grande ritorno di immagine e un solido radicamento sul territorio Forlivese, un Auditorium a suo nome e il suo logo sui materiali di promozione delle stagioni musicali".

Il futuro del nuovo Auditorium

"L’Ex Gil è sempre stato un luogo di arte e cultura, prima dedicato alla musica e poi al cinema - ricorda Melandri -. Vogliamo ridare a questo edificio l’antico splendore che si merita, riaprendo uno degli edifici razionalisti più rappresentativo di viale della Libertà a Forlì e non solo.  A ristrutturazione finita, l’Auditorium potrà contenere 400 posti (324 in platea e 76 in galleria) e una buca per l’orchestra che, se necessario, potrà elevarsi fino ad ospitare 40 elementi, espandendo e allargando il palco. Sotto alla platea verranno realizzati i camerini per gli artisti e i servizi per i musicisti mentre la sala ovale, visibile su via Borghetto Accademia, ospiterà il foyer del teatro, che sarà anche dotato di un piccolo bistrot. In più, l’Auditorium Conad potrà fungere anche da Aula Magna dell’Alma Mater, ospitando lezioni universitarie e grandi cerimonie istituzionali.  Grazie alla dotazione tecnica di isolamento e strumentazioni, la struttura potrà anche essere utilizzata come sala di registrazione, dando il via a un percorso di “turismo sonoro” che porterà benefici alla città intera. In più, gli spazi saranno utilizzati anche per proiezioni e iniziative legate al Museo della Ginnastica Bruno Grandi, sul quale stiamo lavorando. L’Auditorium Conad diventerà quindi un unicum nel panorama nazionale e ringraziamo Cia-Conad per la grande opportunità di collaborazione e non vediamo l’ora di aprire le porte alla città".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ex Gil, al via i lavori di ristrutturazione: "L'Auditorium Conad diventerà un unicum nel panorama nazionale"

ForlìToday è in caricamento