rotate-mobile
Cronaca Civitella di Romagna

Caritas, al via il campo Effatà nei paesi dell’Alta Val Bidente

La parola “effatà” in lingua aramaica significa “apriti”. “Effatà” è anche il nome del campo di lavoro che prenderà il via domenica 30 agosto nell’Alta Val Bidente.

La parola “effatà” in lingua aramaica significa “apriti”. “Effatà” è anche il nome del campo di lavoro che prenderà il via domenica 30 agosto nell’Alta Val Bidente. Promosso dalla Caritas della Diocesi di Forlì-Bertinoro e dalla Pastorale giovanile diocesana, si rivolge ai ragazzi che abbiano compiuto 16 anni. Il “menù” umanitario proposto ai giovani consiste in una settimana formativa di servizio nel lavoro, con indubbie occasioni di arricchimento e di crescita umana. Si vivrà insieme, condividendo pasti, alloggi, lavoro, momenti di festa e uscite. 

Ci si formerà divertendosi sulla pace, sulla solidarietà e sugli stili di vita. Il campo “Effatà”, che durerà fino al 6 settembre, ha il duplice obiettivo di trasmettere uno spirito di servizio ai giovani e nello stesso tempo di contribuire alla solidarietà verso chi, nel nostro territorio, si trova in situazione di difficoltà economica o personale. Il campo ha già incassato il patrocinio dei comuni e dell’Associazione Alpini dell’Alta Val Bidente. Durante la condivisione, i giovani partecipanti andranno di casa in casa per raccogliere oggettistica, libri, indumenti e cibo, seguiti passo passo dagli adulti organizzatori. 

Il ricavato della raccolta andrà a sostegno delle famiglie disagiate della zona in base ai “report” della stessa Caritas. La prima uscita per la raccolta di materiale usato nelle case, si svolgerà martedì 31 agosto a Cusercoli, mentre la seconda avverrà mercoledì 1° settembre a Galeata. I giovani condivideranno il resto della giornata, compresi i pasti ed i momenti formativi sulle tematiche della pace, della giustizia e della solidarietà, presso la parrocchia di Civitella di Romagna (Via Farneti 3), ospiti di don Massimo Masini e della sua comunità. I partecipanti dovranno portare con se indumenti e guanti da lavoro, sacco a pelo e l’occorrente per l’igiene personale. Per iscrizioni ed informazioni (entro il 30 agosto) è possibile contattare Andrea Turchi (349-1834073), Francesco Agatensi (340-6293583) e Caterina Boghi (340-9361192), oppure inviare una mail a: serviziocivile@caritas-forli.it. 

Piero Ghetti

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caritas, al via il campo Effatà nei paesi dell’Alta Val Bidente

ForlìToday è in caricamento