rotate-mobile
Venerdì, 9 Dicembre 2022
Caro bollette

Il caro bollette spegne una vetrina del gusto in centro: "Troppi aumenti, chiudiamo e rimaniamo in attesa"

Il messaggio affisso sulla vetrina è eloquente e denota le difficoltà degli esercenti nell'affrontare l'onda dei rincari, dalle bollette al costo delle materie prime

Il caro bollette spegne, almeno temporaneamente, una vetrina nel cuore del centro storico di Forlì. Da diverse settimane è infatti chiuso il punto vendita "Truck Food Forlì", aperto in Corso della Repubblica ad inizio gennaio 2019 e specializzato nella preparazione di hamburger, cibo di strada e dolci. Il messaggio affisso sulla vetrina è eloquente e denota le difficoltà degli esercenti nell'affrontare l'onda dei rincari, dalle bollette al costo delle materie prime. "A causa dell'aumento dei costi energetici e delle materie prime rimarremo chiusi nell'attesa di ulteriori sviluppi - si legge nel messaggio -. Vi terremo aggiornati sulla data di apertura tramite i nostri canali social".

Sulla pagina Facebook ci sono le immagini che testimoniano l'entusiasmo dello staff nella preparazione di nuove pietanze, differenti da stagione a stagione: non solo hamburger e fritti, ma anche dolci tipici napoletani per citarne alcuni come le graffe. Danilo, proprietario dell'attività, raccontando la sua esperienza a ForlìToday, è al lavoro per riaccendere i fornelli. "Siamo mega tassati - spiega -. Durante l'estate abbiamo lavorato una decina di giorni, perchè poi con la chiusura dell'università andiamo in ferie, ma ciò nonostante abbiamo avuto una bolletta praticamente raddoppiata, impennata a poco più di duemila euro. E se i costi sono destinati ulteriolmente ad aumentare c'è poco da stare tranquilli". L'obiettivo è ripartire, "però bisogna fare i conti per riuscire ad arrivare alla fine del mese. Le tasse sono tante e serve un aumento delle vendite esponenziali per cercare di fare quadrare le somme".

Danilo racconta la sua esperienza: "Sono arrivato a Forlì che avevo 20 anni dopo essersi diplomato in Piazza Dante a Napoli, poi nel tempo ho acquisito esperienza nel campo della ristorazione lavorando con mio cugino che è uno chef e nei weekend con mio nonno, anche lui chef, a Capodimonte. Così nel 2018 è nata l'idea di aprire un'attività qui a Forlì a conduzione familiare, aprendo ad inizio del mese di gennaio del 2019 dopo alcuni mesi di lavoro iniziati nel mese di agosto". Il negozio è nato in Corso della Repubblica su uno spazio di una quarantina di metri quadrati, comprensivo del magazzino: "I miei fornitori sono tutti campani, dalla provola al pane per fare un esempio. Il mio obiettivo era riproporre la degustazione veloce delle tradizioni campane, un po' come c'è a Napoli, che si mangia al volo passeggiando un crocchè di patate, arancini o la frittatina di maccheroni". L'auspicio è che Danilo possa trovare le risorse necessarie per ripartire ed accogliere nuovamente i clienti come già accadeva da tempo: "Stiamo lavorando per questo", tranquillizza. 

messaggio-negozio-corso-repubblica-2

Il messaggio affisso nella porta d'ingresso

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il caro bollette spegne una vetrina del gusto in centro: "Troppi aumenti, chiudiamo e rimaniamo in attesa"

ForlìToday è in caricamento