Se n'era andato all'estero da due anni lasciando la casa popolare ad un parente: recuperato l'alloggio

Un altro caso di palese irregolarità è stato riscontrato, sempre nell'ambito del progetto "Case Sicure", a carico di una coppia di albanesi ultrasettantenni.

Se ne era andato all'estero da due anni senza mai riportare all'Acer le chiavi della casa. Anzi, come se fosse una sua proprietà personale, aveva lasciato l'alloggio ad un parente alla lontana, che tra l'altro ha anche accumulato alcune mensilità di morosità nel pagamento dell'affitto. E' questa una delle situazioni più eclatanti di illegalità che è stata scoperta dal nucleo specializzato della Polizia Locale impegnato nel progetto "Case sicure".

Effettuando un controllo, infatti, è emerso che l'assegnatario dell'alloggio già due anni fa aveva fatto richiesta in un Paese estero di conversione della patente di guida italiana: un segnale che l'abitazione quotidiana della famiglia non si trovava certo a Forlì. La Polizia locale ha inoltre confermato che un figlio in età di obbligo scolastico già da due anni non risultava più frequentare le scuole forlivesi, un altro tassello che alla fine ha portato alla verifica sul posto. Nella casa popolare si trovava quindi un parente del nucleo famigliare, privo di diritto ad occupare l'alloggio. L'inquilino abusivo ha pagato i canoni di affitto quasi regolarmente (mancavano un paio di mensilità) per non dare nell'occhio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un altro caso di palese irregolarità è stato riscontrato, sempre nell'ambito del progetto "Case Sicure", a carico di una coppia di albanesi ultrasettantenni. Pur essendo assegnatari di un alloggio, i vicini hanno segnalato che quella porta era da tempo che non si apriva. Dai riscontri è emerso che i titolari dell'appartamento non hanno lasciato alcuna traccia documentale negli ultimi anni che indichi un loro normale e abituale domicilio a Forlì. Anche in questo caso l'alloggio è stato classificato come "abbandonato" e recuperato. La Polizia Locale ha inoltre fatto la segnalazione alla Guardia di Finanza per verificare che lacoppia non abbia fruito di altri sgravi, vantaggi fiscali e forme di assistenza derivanti dalla loro residenza in Italia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La tabaccheria ancora baciata dalla fortuna, nuovo terno al Lotto: "Forse una data di nascita"

  • Coronavirus, ecco il nuovo dpcm punto per punto: ristoranti chiusi alle 18. Stop per palestre, cinema e teatri

  • Forlì spiccherà il volo verso Spagna, Germania e Ungheria: ufficializzata la terza compagnia

  • Aeroporto, il Ridolfi torna sui radar di tutto il mondo: si parte con i voli commerciali

  • L'aeroporto di Forlì alla conquista del Mediterraneo: si allunga la lista delle compagnie

  • Coronavirus, contagi in aumento. Bonaccini non esclude una stretta sulle scuole

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento