Cronaca

Alla casa di riposo 'Casa Mia' il 60% dei lavoratori dice no al vaccino, è bufera

Grave situazione alla casa di riposo “Casa Mia” di via Curiel, dove è emerso che ben 38 operatori dell'assistenza agli anziani sui 64 totali hanno rifiutato il vaccino anti-covid

Grave situazione alla casa di riposo “Casa Mia” di via Curiel, dove è emerso che ben 38 operatori dell'assistenza agli anziani sui 64 totali hanno rifiutato il vaccino anti-covid. La percentuale è molto alta, si tratta del 60% del personale, perfino superiore al caso della 'Camillo Spighi' di Bagno di Romagna, che ha fatto il giro d'Italia per la sua anomalia. A tirare fuori la vicenda è stato un servizio del Tg regionale dell'Emilia-Romagna di Raitre, che ha raccolto la segnalazione di una famiglia degli 82 anziani ospiti della casa di riposo, che non ha voluto comparire.

Intervistato da RaiTre il direttore della casa di riposo Fabian Nikolaus ha spiegato di essere “colpito la reazione del personale” e si è detto “a disposizione delle autorità locali per l'azione di sensibilizzazione”. La casa di riposo è gestita dalla Chiesa Avventista, ma il direttore nega che le posizioni no-vax espresse dal personale della casa di riposo dipendano dal loro credo religioso: “Molti di quelli che hanno scelto di vaccinarsi sono membri della chiesa Avventista”. La situazione è attualmente tra le più gravi in Romagna, con rischi a questo punto maggiorati per gli anziani ospiti, dato che sta volgendo al termine la campagna diretta agli operatori sanitari. Alla Camillo Spighi di Bagno di Romagna resta uno zoccolo duro di 9 operatori socio-sanitari non vaccinati su 37, secondo i dati raccolti da RaiTre. La casa di riposo “Casa Mia” è accreditata al sistema pubblico. Dai dati diffusi dall'Ausl, invece, il 100% degli anziani ospiti delle Cra in Romagna si sta vaccinando contro il Covid. 

I sindacati: "Dare più informazioni ai lavoratori"

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alla casa di riposo 'Casa Mia' il 60% dei lavoratori dice no al vaccino, è bufera

ForlìToday è in caricamento