menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Castrocaro, sfregiata e mutilata la statua di Giovanni Paolo II

Nella notte fra il 16 e il 17 Giugno la statua che raffigura Papa Giovanni Paolo II, collocata a Castrocaro Terme in Via del Lavoro, è stata oggetto di un furioso atto vandalico.

Nella notte tra sabato e domenica i vandali hanno preso di mira la statua che raffigura Papa Giovanni Paolo II, collocata a Castrocaro Terme, in Via del Lavoro. L'immagine, divenuta ormai punto di riferimento per gruppi di preghiera e visitata da numerosi cittadini, è stata deturpata in modo da sfregiarne il volto, le mani giunte e il Pastorale, al quale è stato mozzato il crocifisso.

Un gesto assurdo e mosso con efferata violenza, visto anche il probabile tentativo di divellere la statua dal piedistallo. L'amministrazione comunale ha espresso "la propria condanna più assoluta per l'oltraggioso gesto vandalico e consapevole dell'affetto e del rispetto che ancora oggi sono presenti nel sentimento diffuso della gente per la figura di Giovanni Paolo II, è vicina in particolar modo ai credenti ma anche a tutta la società civile che rifiuta simili gesti".

“Un gesto ignobile e preoccupante che offende il paese.” lo definisce il Consigliere Comunale di minoranza Francesco Billi “La statua di Giovanni Paolo è stata fortemente voluta dalla gente del posto, su iniziativa della comunità parrocchiale, ma anche grazie alla collaborazione di chi non si reca regolarmente in chiesa. Questo non è un semplice atto vandalico ma un segno di intolleranza, contro la sensibilità o la fede della nostra gente, da trattare con la massima attenzione.”

Tutta la Sezione locale della Lega Nord esprime sdegno per l'accaduto attraverso la nota del Segretario Alessandro Ferrini: “Credere o non credere, siamo di fronte a un episodio inammissibile. La nostra società è ormai ostaggio dell'ideologia della violenza e i nostri valori subiscono un costante attacco. L'offesa all'immagine di Giovanni Paolo, che era innanzitutto uomo di pace, rende più triste notare come ancora oggi l'Europa resti sorda di fronte alla difesa della nostra identità cristiana, e vedere come il mondo assista impotente ai fatti drammatici delle stragi di innocenti perpetuate nelle chiese della Nigeria.”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento